partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/02/2020 - 03:01

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Tu chiamami Peter
Regia di Stephen Hopkins
Cast: Geoffrey Rush, Charlize Theron, Emily Watson, John Litghow, Stanley Tucci, Miriam Margolyes, Peter Vaughan, Stephen Fry, Sonia Equino; dramm./biogr.; U.S.A./Gran Bret.; 2004; C.

 




                     di Paolo Boschi


Lost in Space
Under Suspicion
Tu chiamami Peter


Questa incursione nel privato del mitico attore britannico Peter Sellers dimostra l’assioma che spesso nella vita di un comico c’è poco da ridere. Ciò che induce a consigliare la visione di Tu chiamami Peter è l’istrionismo interpretativo dell’ottimo Geoffrey Rush, che si è sottoposto a lunghissime sessioni di trucco ed a lezioni di schizofrenia recitativa per rendere le molteplici facce del protagonista di Lolita e de Il dottor Stranamore (in cui Sellers si prestò a tre parti diverse), che definì se stesso in termini pirandelliani: “Sono tutti e nessuno. Datemi un personaggio e sarò qualcuno. Toglietemelo e non resterà nulla”. La macchina da presa di Hopkins con diligenza televisiva si affaccenda intorno alle ricostruzioni di Peter Sellers da parte di Stanley Kubrick o di Blake Edwards, che gli affidò l’esilarante maschera dell’ispettore Clouseau nella serie della Pantera Rosa. Il film continua a girare intorno all’indecifrabile Sellers dai suoi esordi in radio passando in rassegna i molti successi, capolavori come Hollywood Party eOltre il giardino, le quattro consorti, i problemi cardiaci, fino all’infarto che lo stroncò a soli cinquantaquattro anni. Tu chiamami Peter, ben lungi dal tratteggiare un ritratto ben definito dell’istrionico attore inglese, sembra quasi volerne ricostruire la figura per assenza, inducendo talore in qualche simbolismo di troppo (come l’allegorico finale): ma la grande performance di Geoffrey Rush amalga il tutto con efficacia. Nel cast in un cammeo figura anche Victoria Sellers, figlia dell’attore inglese e della seconda moglie Britt Ekland, brevemente animata dalla splendida Charlize Theron. Da vedere.

Tu chiamami Peter - The Life and Death of Peter Sellers, regia di Stephen Hopkins, con Geoffrey Rush, Charlize Theron, Emily Watson, John Litghow, Stanley Tucci, Miriam Margolyes, Peter Vaughan, Stephen Fry, Sonia Equino; dramm./biogr.; U.S.A./Gran Bret.; 2004; C.; dur. 2h e 5’

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner