partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 04:17

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


People I know
Regia di Daniel Algrant
Cast: Al Pacino, Téa Leoni, Kim Basinger, Ryan O'Neal; thriller/drammatico; Usa/Gran Bret.; 2002; C.

 




                     di Paolo Boschi


Nessuna professione è più in stretta connessione con le personalità che conosci quanto il variegato mondo dei PR, ed è per l’appunto questo il lavoro di Eli Wurman, guru newyorchese delle public relations, ora in declino. Eli è disposto a tutto pur di accontentare i propri clienti: può coprire imbarazzanti cadute di stile, trovare signorine compiacenti, stupefacenti o reperire qualunque altra cosa gli sia richiesta, offrendo al contempo una discrezione priva di limiti: i dettagli insignificanti dei suoi clienti possono pure finire sui rotocalchi, Eli provvederà ad impedire che le informazioni davvero scottanti vadano in pasto alla stampa. Siffatta professione richiede il pelo sullo stomaco necessario per rimestare nel torbido, consuma a fuoco lento ed avvince come una droga, al punto che uscire da questo dorato mondo di apparenza è praticamente impossibile. E’ proprio la riuscita ambientazione la principale qualità di People I know, un atipico thriller che Daniel Algrant, già regista di molti episodi del fortunato serial TV “Sex and the City”, utilizza come grimaldello narrativo per descrivere luci ed ombre del dorato mondo dello showbiz. Ormai giunto nella parabola discendente della sua carriera di press agent, il protagonista può annoverare soltanto su un pezzo da novanta tra i propri clienti, il premio Oscar Cary Laurner, in procinto di tentare la carriera politica. E’ appunto Laurner a disturbare Eli Wurman per affibbiargli l’ennesima patata bollente di una lunga serie: ritrovare la stellina televisiva Jilli, rimetterla in sesto e convincerla ad uscire di scena senza clamori eccessivi. Un compito apparentemente normale, se non accadesse che Eli, stremato da troppe pillole, finisse per addormentarsi durante l’omicidio dell’arrogante attricetta affidata alle sue discrete cure. Il tutto mentre il protagonista sta cercando di organizzare una serata di beneficenza cui presenzierà tutta la New York che conta: l’ultimo grande evento della sua carriera prima di uscire di scena, comprarsi un modesto capanno da pesca in riva ad un lago e magari concedersi l’amore dell’ex cognata Victoria, l’avvenente vedova del fratello ormai pronta a riscoprire i sentimenti. People I know offre un bello spaccato ambientale della professione del press agent, efficace soprattutto sotto il versante descrittivo, poiché il giallo in sottofondo è in pratica un pretesto per raccontare un mondo spietato dove l’apparenza è tutto, l’essenza delle persone un dettaglio secondario, i contatti umani pregiata merce di scambio. Al Pacino è perfetto nel ruolo del protagonista stanco e disilluso. Il film è liberamente ispirato alla vita del PR newyorchese Bobby Zarem.

People I know, regia di Daniel Algrant, con Al Pacino, Téa Leoni, Kim Basinger, Ryan O'Neal; thriller/drammatico; Usa/Gran Bret.; 2002; C.; dur. 1h e 40’

Voto 7- 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner