partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  30/03/2020 - 22:01

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


La meglio gioventù
Regia di Marco Tullio Giordana
Cast: Luigi Lo Cascio, Alessio Boni, Sonia Bergamasco, Adriana Asti, Fabrizio Gifuni, Maya Samsa, Jasmine Trinca; Italia; drammatico; 2003; C.

 




                     di Paolo Boschi


I cento passi
La meglio gioventù
Quando sei nato non puoi più nasconderti
Romanzo di una strage


Per chi, come il sottoscritto, non ha mai amato particolarmente gli sceneggiati televisivi, La meglio gioventù – titolo di pasoliniana memoria – si è rivelata una sorpresa folgorante: se il nome dell’autore e la qualità del cast inducevano alla speranza, era arduo immaginarsi una saga familiare capace di intrigare fin dalle prime immagini lo spettatore e condurlo senza colpo ferire lungo le principali tappe di quasi quarant’anni di storia italiana. E’ anche vero che l’ultima fatica del regista de I cento passi della produzione televisiva ha soltanto la forma esteriore: di fatto siamo davanti ad uno splendido film d’autore in grado d’appassionare il pubblico per quasi sei ore, senza mai una caduta di tono e prendendosi pure qualche rischio, senza rinunciare a scomode prese di posizione né omettendo fatti storici ardui da tradurre sul grande schermo La storia centrale racconta la saga dei Carati, una famiglia borghese composta da padre romano commerciante, madre milanese insegnante, due figli maschi e due femmine: si va da Capo Nord a Palermo lungo i principali eventi collettivi che hanno segnato l’Italia dal 1966 ai giorni nostri, dall’alluvione di Firenze al fiorire dell’antipsichiatria, dalla lotta armata delle BR contro il potere costituito a cavallo tra i Settanta e gli Ottanta fino alla strage mafiosa di Capaci del 1992. Protagonisti de La meglio gioventù, film di incredibile coesione narrativa ed afflato corale, sono i due fratelli Nicola, esuberante psichiatra d’ispirazione besagliana, e Matteo, poliziotto dal carattere solitario e difficile, due facce opposte della stessa medaglia generazionale del fatidico 1968: intorno ai due – divisi da strade diverse che raramente s’incrociano – si alterna un variegato cast di amici, parenti e conoscenti – la moglie-brigatista di Nicola, il suo miglior amico (e poi cognato), funzionario sotto scorta, una ragazza sensibile e psico-labile, una vivace fotografa destinata ad amare sia Matteo che Nicola, e molti altri ancora –. C’è la storia, c’è il romanzo e c’è il profumo di realtà: La moglio gioventù accorpa queste tre caratteristiche e le fonde insieme in modo impalpabile. L’impressione complessiva che se ne trae è di assistere a squarci intere di vite in fieri, e il perdersi in siffatti mari biografici è dolce ed inevitabile con lo scorrere delle immagini. Degne di segnalazione le magnifiche prove di Lo Cascio e Boni nei panni dei fratelli protagonisti. Onore al merito ai bravissimi sceneggiatori Sandro Petraglia e Stefano Rulli. A Cannes 2003 si è imposto con merito nella sezione “Un certain regard”.

La meglio gioventù, regia di Marco Tullio Giordana, con Luigi Lo Cascio, Alessio Boni, Sonia Bergamasco, Adriana Asti, Fabrizio Gifuni, Maya Samsa, Jasmine Trinca; Italia; drammatico; 2003; C.; dur. 5h e 54' (atto I: 2h e 59'; atto II: 2h e 55')

Voto 8+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner