partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il bell'Antonio
Di Mauro Bolognini
Quadrophenia
Degli Who
Vertigo - la donna che visse due volte
Di Alfred Hitchcock
A piedi nudi nel parco
Regia di Gene Saks
Il diavolo veste Prada
Regia di David Frankel
Colazione da Tiffany
Regia di Blake Edwards
Mezzogiorno di fuoco
Regia di Fred Zinnemann
Alien Director's Cut
Regia di Ridley Scott
The Commitments
Regia di Alan Parker
Le onde del destino
Regia di Lars von Trier

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/09/2018 - 06:48

 

  home>cinema > cult

Scanner - cinema
 


L'uomo dei sogni
Regia di Phil Alden Robinson
Cast: Kevin Costner, Amy Madigan, Ray Liotta, Burt Lancaster, James Earl Jones; fantastico; Usa; 1989; C.
Il sogno, il baseball e l'America dei bei tempi andati

 




                     di Paolo Boschi


L'uomo dei sogni
I signori della truffa
Al vertice della tensione


E' un piccolo film L'uomo dei sogni, ma di grande sostanza. Il titolo originale, Field of dreams, rende meglio l'idea centrale della pellicola: un campo di mais sperduto nell'Iowa, Ray Kinsella, un uomo con un'infanzia sofferta, una voce che gli promette “Se lo costruisci, lui tornerà”. Rovinare un intero raccolto per costruire un campo da baseball pùò sembrare apparentemente una richiesta priva di logica, ma chi ha detto che i sogni devono per forza averne? Per di più il protagonista non è ricco, ha un'ipoteca sulla casa ed una famiglia da mantenere: ciò nonostante deve obbedire alla voce, semplicemente perché sente d’istinto che è giusto farlo. Ma non è finita: dopo aver costruito un campo da baseball in mezzo alle spighe di granturco, la voce lo manderà alla ricerca di uno degli scrittori di culto della sua generazione: l'uomo ha infatti un dolore che solo il baseball potrà lenire. Ray Kinsella parte così per New York e convince il riluttante scrittore a seguirlo. In più, strada facendo, i due dovranno cercare un vecchio medico, grande talento in gioventù con la carriera stroncata da un infortunio: le ricerche in breve arrivano ad un punto fermo ma, nonostante il loro uomo sia morto da tempo, i due riusciranno ugualmente a trovarlo in una notte di nebbia in cui tutto può accadere. Il terzetto si dirigerà infine verso il campo da baseball di Ray, per assistere ad una partita delle glorie sportive del passato, una sorta di manifestazione spirituale dello sport che fu, un evento che rimetterà Ray di fronte al padre, col quale aveva avuto un rapporto conflittuale. Tratto dal racconto fantastico Shouless Joe di W.P. Kinsella, L’uomo dei sogni ricostruisce, magari con eccessiva enfasi, ma con profonda sincerità, la voglia di riscoprire i valori dell'America degli anni d'oro, piena di certezze e di fiducia per il futuro: sogni spazzati via dagli anni che ci hanno portato all’attualità, spietata e disincantata. Essenziale la regia, cast all’altezza anche nei ruoli secondari, con una delle migliori interpretazioni in carriera per Kevin Costner: un gioiello di celluloide che racchiude in sé la magia dell’american dream e che continua a resistere, da classico in erba, all’usura del tempo.

L'uomo dei sogni - Field of dreams, regia di Phil Alden Robinson, con Kevin Costner, Amy Madigan, Ray Liotta, Burt Lancaster, James Earl Jones; fantastico; Usa; 1989; C.; dur. 1h e 46'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner