partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  07/04/2020 - 14:21

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


The Dreamers
Regia di Bernardo Bertolucci
Cast: Michael Pitt, Louis Garrel, Eva Green, Robin Renucci, Anna Chancellor, Florian Cadiou; drammatico; Ita./Gran Bret./Fran.; 2003; C.
La vita, il sogno e il '68...

 




                     di Paolo Boschi


Io ballo da sola
The dreamers
Io e te


Il 1968, la libertà, il sesso, la cinefilia, la letteratura, la crescita, il sogno: sono i temi portanti, non necessariamente nell’ordine, di The dreamers - I sognatori, l’ultima fatica registica di Bernardo Bertolucci, tratta da un romanzo dello scrittore inglese Gilbert Adair, che ne ha curato l’adattamento per il grande schermo. Ambientato a Parigi nel 1968, agli albori della contestazione giovanile, il film prende avvio con l’incontro di Matthew, studente americano in trasferta transalpina, con i gemelli Isabelle e Théo davanti ai cancelli della Cinémathèque Française, un incontro non casuale, considerando che tutti e tre sono incalliti cinefili. In coincidenza con l’assenza dei genitori dei fratelli, in vacanza campestre, Matthew è invitato a trasferirsi per un mese nel vecchio appartamento in cui Isa e Théo vivono in un dedalo di stanze e corridoi, un vetusto labirinto che trasuda libri e cultura da ogni parete (il padre dei due peraltro è un poeta politicamente impegnato). In breve il giovane ospite straniero scopre imbarazzanti dettagli intimi sul rapporto quasi simbiotico che lega Isa e Théo, a cominciare dalla particolare postura in cui sono soliti dormire, completamente nudi e stretti in un sensuale abbraccio. Matthew gradualmente sarà coinvolto nel rapporto apparentemente esclusivo dei due fratelli (una parentela che lambisce pericolosamente l’incesto), usi a sfidarsi continuamente in ardui quesiti filmici seguiti da penitenze erotiche all’insegna di un cinismo senza vergogna. Tra una rievocazione ludica della godardiana corsa nel Louvre di Bande à part, continui richiami al tema del doppio (spesso moltiplicato con ingegnosi giochi di specchi) e seriosi dibattiti sulla comicità eccelsa (meglio Buster Keaton o Charles Chaplin?) e sul virtuosismo chitarristico (meglio Jimi Hendrix o Eric Clapton?), la coppia inscindibile accoglie al suo interno il terzo elemento: rinchiusi nell’appartamento di famiglia, mentre fuori s’intravedono i primi raggi dell’alba del sessantotto parigino, i tre intraprenderanno un percorso di mutua conoscenza, scoprendo intimamente le proprie sessualità, (quasi) fino alle estreme conseguenze, prima che il sogno di cambiamento che i loro coetanei stanno promuovendo per le strade parigine li reclami in prima persona, finendo per dividerne i rispettivi percorsi – chi sceglierà di contestare senza violenza, chi imbraccerà una molotov calandosi un velo sul viso –. Un film che affronta un ventaglio di tematiche storicamente care a Bertolucci: è innegabile infatti che The dreamers rielabori in modo originale l’erotismo morboso ed esclusivo di Ultimo tango a Parigi, il naturale senso di scoperta della sessualità di Io ballo da sola e, per certi versi, anche la ricostruzione culturale di un preciso contesto storico, come accadeva in Novecento. Il risultato di siffatto mélange tematico è estremamente felice e sorretto da una verve voyeuristica di grande impatto visivo, anche sotto il versante simbolico: tra suggestioni figurative, intriganti citazioni letterarie e mirabili intarsi di cinefilia d’autore, The dreamers conduce per mano i tre protagonisti all’appuntamento con la storia, al sogno possibile di un mondo diverso, un sogno che Bertolucci riesce miracolosamente a tratteggiare per difetto senza cadere nella facile trappola della rievocazione nostalgica tout court. Assolutamente d’obbligo segnalare una colonna sonora D.O.C. che alterna Janis Joplin a Bob Dylan, Doors e Jimi Hendrix, ovvero la quintessenza musicale di protesta e autodistruzione del periodo. Un film imperdibile.

The Dreamers - I sognatori (The Dreamers), regia di Bernardo Bertolucci, con Michael Pitt, Louis Garrel, Eva Green, Robin Renucci, Anna Chancellor, Florian Cadiou; drammatico; Ita./Gran Bret./Fran.; 2003; C.; dur. 1h e 58'

Voto 8½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner