partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Cai Guo-Qiang
Flora Commedia
Piero Gilardi
La tempesta perfetta
Comportamento
A cura di Renato Barilli
La pasión según Carol Rama
200 opere della pittrice torinese
Eugeni Bonet
L’occhio in ascolto
Reality invocabile
A cura di Montse Badia
Allora & Calzadilla
Fault Lines
Odette Lafrance
La pop art avanzata scopre le icone fashion
Eulalia Grau
Non ho mai dipinto angeli d'oro
Gruppo Cracking
Mostra e Performance

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/12/2018 - 11:05

 

  home>arte > contemporanea

Scanner - arte
 


Opere di corsia
Singolare progetto dal nome:
Opere d'Arte Internazionali all'Ospedale Sant'Andrea di Roma
Progetto a cura di Zerynthia, Associazione per l’Arte Contemporanea

 




                     di Drago


"Colori dal Mediterraneo", un progetto di Zerynthia per l'Ospedale romano di Sant'Andrea
Bando di concorso, fotografie artistiche per l'Ospedale Sant'Andrea, progetto "Colori dal Mediterraneo" (scadenza 10-09-2002)


Inserire l’arte negli spazi pubblici diventa un elemento di forte caratterizzazione del luogo, un elemento che ne cambia non solo l’aspetto, ma anche la "poetica", il modo di vivere l’ambiente. E se si esponessero delle opere in un ospedale?

Un’iniziativa insolita, ma non una novità. E’ già da diversi anni che si sente parlare di "arte-terapia", ma l’Ospedale Sant’Andrea, sede della II Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Roma, ha deciso di accogliere delle opere nelle sue stanze, nei suoi corridoi, per rendere più confortevole l’ambiente sia per i pazienti che per il personale.

Così è nata la collaborazione tra i promotori di una ricerca scientifica della Cattedra di Psichiatria sull’effetto dei colori in ambito ospedaliero e l’Associazione Zerynthia, responsabile della presenza di arte contemporanea nell’Ospedale.

Per un artista non è semplice concepire un’opera che si innesti in questo tipo di ambiente, carico di preconcetti, dove coloro che lo frequentano non vi vanno per piacere, ma solamente per necessità. Un concetto che va controcorrente nei confronti dell’arte di tutti i tempi, che non vuole esser necessaria, non vuole esser utile, ma cresce nasce solamente per divenir arte. E così che spesso il rapporto Arte-Società ha avuto continui attriti e divergenze.

L’Ospedale di Sant’Andrea è localizzato in una periferia ad alta presenza di cittadini originari di altri paesi mediterranei e quindi si suppone che molti futuri pazienti dell’ospedale provengano da tutto il bacino mediterraneo con contesti sociali molto differenziati. Il progetto "Colori dal Mediterraneo" cerca nell’arte contemporanea il catalizzatore fra le diverse realtà culturali rivolgendo l’invito ad artisti di paesi del Mediterraneo, dando a coloro che entreranno in ospedale un segnale forte e vitale del loro paese.
L’edizione del 2001 ha visto concludersi la sua prima parte nel Settembre, con installazioni permanenti di 6 giovani artisti. La seconda parte del progetto prevede non solo 8 nuove installazioni permanenti realizzate da giovani artisti del bacino mediterraneo negli ingressi dei piani, ma intende anche inglobare ogni singola stanza dei reparti di degenza. Si tratta di circa 400 stanze che saranno arricchite da fotografie artistiche che hanno come tematica il mediterraneo.

A tale scopo è stato indetto un concorso di fotografia. La selezione sarà affidata ad un comitato internazionale di chiara fama ed esperienza.

Il rapporto degli artisti con l’ambiente dell’Ospedale, i pazienti e i visitatori, lo staff dell’ospedale, i docenti e gli studenti della Facoltà di Medicina, ospitata all’interno dell’Ospedale, è destinato a dare risposte innovative non solo in ambito ospedaliero, ma anche al nuovo rapporto tra lavoro artistico e contesto sociale.
Al contrario dell’arredamento che ha come scopo di rendere piacevole un ambiente, l’arte pone interrogativi, stimola, a volte frastorna, ma sempre produce energia. L'arte in un ospedale tocca pazienti e visitatori, che ai pazienti devono portare conforto; in una clinica universitaria stimola chi in futuro dovrà dedicarsi ai malati.

Chissà se questa iniziativa non dia un nuovo spunto per l’arte negli ambienti pubblici. Infondo, mettendo per una volta da parte che ogni tipo di filosofia artistica, è un’iniziativa che apre un nuovo confronto. E ancora una volta, si parla di quella parola che racchiude in se un grande universo: "Ars Mundi".

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner