partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 12:11

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Sinead O'Connor
Faith and courage
[Atlantic 2000]

 




                     di Paolo Boschi


Fa un po’ impressione e crea un grande senso d’attesa ascoltare il nuovo disco di Sinead O’Connor, cantante irlandese dal limpido talento, in possesso di una voce da brividi e dotata di una spiccata personalità. Nata a Dublino nel 1966, Sinead ha esordito a 22 anni con The lion and the cobra, ma il suo apice creativo l’ha toccato senza dubbio tre anni dopo, quando incise I do not want what I haven’t got, premiato a suo tempo con un Grammy, primo album di una cantante irlandese a raggiungere il numero uno negli States: il disco conteneva Nothing compares 2 U di Prince quando si chiamava Prince, una gemma assoluta degli anni Novanta. Da quel momento la O’Connor, già all’epoca nota per essersi rasata in segno di protesta al patinato universo dello star system, più che per la musica si è fatta notare per le numerose uscite femministe, anticlericali (stracciò in diretta televisiva una foto del papa) ed antiamericane: un personaggio spesso scomodo ma sempre in prima linea per le battaglie civili. Con i successivi Am I not your girl (1992) e Universal mother (1994) la O’Connor si è districata tra pop, folk e sprazzi di techno, senza apprezzabili evoluzioni musicali. Per rifiorire sul versante artistico Sinead O’Connor ha dovuto attraversare una discreta serie di rovesci personali, poi la scoperta della dimensione spirituale (è diventata Suor Bernadette) le ha fatto ritrovare tranquillità e fiducia nei propri mezzi. Il risultato nel suo ultimo album Faith and courage si sente fin dal titolo e si avverte dentro a partire dal primo ascolto: nei tredici brani della tracklist si passa tra tematiche e stati d’animo contrastanti, ma con un chiaro fil rouge mistico-emotivo di sottofondo a legare un album che, per essere davvero unico, avrebbe avuto soltanto bisogno di una seconda Nothing compares 2 U. La voce di Sinead O’Connor è incisiva secondo copione, cristallina e roca al tempo stesso, insieme sacra e profana – ma, almeno per stavolta, prevale la componente religiosa: in fondo trattasi di un disco di fede e coraggio, che si chiude non a caso con Kirié eléison –.  L’album prende avvio in sordina con i sussurri e i disturbi di The healing room, poi si comincia a fare sul serio con il ritmo più sincopato del singolo No man’s woman, che ci ridona una O’Connor vecchia maniera, dolce ed incalzante ad un tempo. Da segnalare senza dubbio anche Daddy I’m fine,  la struggente Hold back the night, l’intensa The state I’m in, The lamb’s book of life, dalle tramature celtiche e quasi ipnotiche, ed infine If U ever, ballata a pronta presa e molto suggestiva. Nel complesso Faith and courage funziona e convince, è il disco di un’artista che pare aver ritrovato stabilità e serenità, oltre ad aver scoperto nuovi impulsi musicali: d’altra parte con gente del calibro di Brian Eno, Wyclef Jean e Dave Stewart dietro le quinte sarebbe stato strano il contrario.

Sinead O'Connor, Faith and courage [Atlantic 2000]

Voto  

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner