partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 17:55

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Red Hot Chili Peppers
By the way
[Wea 2002]
Un ritorno all'insegna del sentimento e della melodia, con un pizzico di funk

 




                     di Paolo Boschi


I RHCP sono tornati. Uguali e diversi come in passato, per fortuna, perché il quartetto californiano ama cambiare restando fedele a se stesso, ha una predilezione per gli ossimori a sorpresa e, soprattutto, è legato ad una concezione antica del rock, quando il rock, almeno qualche volta, metteva a segno significative microrivoluzioni. E così, dopo Californication, il disco in cui la chitarra di John Frusciante era rientrata nel gruppo, non poteva che esserci un album come By the way che, rispetto al precedente, è una fotocopia a tonalità invertite. Si potrebbe obiettare che in pratica risulta pur sempre una fotocopia, ma l’escamotage dell’inversione tonale è un atto indubbiamente creativo, ed anche ricco d’ispirazione, stando alla qualità ed alla verve che emergono dai sedici pezzi in scaletta. I Red Hot Chili Peppers sono stati da sempre una band con due anime simbioticamente distinte, il funk rock (anzi, uno degli esempi più originali di rock dell’ultimo ventennio) e il pop rock melodico (sintetizzato nella storica Under the bridge): quest’ultima componente finora è stata in sottordine, presente ma mai percorsa fino in fondo, almeno fino a By the way. Forse anche in seguito ad una fresca ferita d’amore Anthony Kiedis ha sfogato il suo talento compositivo in canzoni malinconiche e soffusamente sentimentali: con l’apporto musicale di Flea, John Frusciante e Chad Smith i brani sono diventati in modo quasi naturale una variegata galleria di intense ballate, con sprazzi occasionali di funk che emergono a colorare i pezzi qua e là, come un insopprimibile necessità cromosomica del gruppo che continua ad emergere a prescindere dal tema di riferimento privilegiato. Un titolo calzante per esemplificare questa attitudine dei RHCP è indubbiamente la canzone apripista, nonché titletrack, in sottofondo una ballata che a tratti accelera improvvisamente sull’onda dei riff di chitarra che si accendono. A ruota arrivano Universally speaking, sentita e delicata, la ballata più canonica dell’album, ed il lento incedere funky di This is the place, due pezzi che esemplificano alla perfezione la dicotomia melodica di cui vive By the way, nell’ambito di un registro generico dichiaratamente sentimentale. Il gioco che per stavolta i Red Hot Chili Peppers hanno deciso di giocare è questo, come confermano le successive Dosed e Don’t forget me, più tese e colorate da efficaci giri di basso, The zephyr song, un esempio della produzione melodica classica dei RHCP, la più tesa ed intrigante Can’t stop, una rock ballad a pronta presa, come I could die for you e Midnight , davvero di grande atmosfera. C’è anche qualche eccezione, ovviamente (siamo pur sempre nella galassia RHCP): ecco così sbocciare nella seconda parte dell’album un pezzo rutilante e contaminato come Throw away your television e subito dopo la verve tex-mex di Cabron, costruita su tramature chitarristiche davvero deliziose. E poi ancora cambio di marcia: alla splendida Tear, marcata da un’insostenibile progressione interna che sfocia in vocalismi degni dei Beatles, segue Oh mercury, costruita su contagiose verticalizzazioni di basso. La coda del disco è melodicamente monotematica ma di grande effetto: una dopo l’altra si alternano l’efficace Minor thing, la disincantata Warm tape e l’eterea Venice queen, elettronica ed inquietante. Un gran bel disco, non memorabile ma che si fa ascoltare summo cum gaudio...

Red Hot Chili Peppers, By the way [Wea 2002]

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner