partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Sade
Soldier Or Love
Roberto Bonati
Un sospeso silenzio
Mauro Grossi
Colori
Luigi Cinque
Passaggi
Olivia Sellerio e Pietro Leveratto
Violeta
ParmaFrontiere Orchestra
A Silvery Silence, fragments from Moby Dick
Salis Bollani - Cantini Pareti - Ferra
Pokerissimo di teste coronate
Carla Bley Big Band
Gran finale del Vivere Jazz Festival 2006
Nicola Alesini
FdA
Terre Differenti
Cities of Dreams

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/07/2019 - 20:42

 

  home>musica > jazz_etno

Scanner - musica
 


Mondo Candido
Moca
Il un nu-lounge fresco e piacevole del trio fiorentino
[Santeria / Audioglobe] 2002

 




                     di Giovanni Ballerini


Un tempo la musica disimpegnata, l'easy listening, era decisamente out, da qualche anno va invece per la maggiore. Soprattutto quella da cocktail. In realtà sotto le definizioni di cocktail music o lounge music, già da qualche anno si cela un variegata e attiva scena creativa internazionale. Anche in Italia qualcosa si sta muovendo nei territori del jazz pop più morbido e sofisticato, quello che varia da Bruno Martino alle colonne sonore dei film degli anni 60, da Chet Baker al Bolero di Ravel . E' il caso dei Mondo Candido, uno dei gruppi più interessanti che fanno riferimento a questo modo gentile di intendere la musica, che con "Moca" hanno recentemente festeggiato il loro debutto discografico. Il trio fiorentino (Alessandro Querci, Simone Marrucci e Luisella) propone un nu-lounge fresco e piacevole, che fa l'occhiolino alla grande Mina, che si arricchisce di piccole variazioni etniche e funk. Una nuova formazione interessante. Lo ha dimostrato il primo cd singolo con "Meglio stasera", che riprendeva con un eleganza 2002 style un brano di Henry Mancini e la strumentale "Mondo Candido", una morbida bossa nova, che nell'album "MoCa" si arricchisce della voce di Luisella. Atmosfere cinematografiche anni 60 e 70, per una cocktail lounge davvero azzeccata. Sia nei brani originali, che nelle cover. A questo proposito una piccola perla è "Fortissimo", che ai tempi veniva cantata da Rita Pavone, su un testo di Lina Wertmuller e arrangiamenti di Morricone. Un altro episodio eccellente è "La vie à deux", proposta in francese e prodotta in collaborazione con l'eclettico Hector Zazou.

"Un po' tutto l'album prodotto da Marco Lamioni è pervaso da un delizioso sound elettronico da club, ma anche da eleganti variazioni sul tema, che danno vita a un azzeccato mixing note melodiche, di ritmi tipicamente italian style, ritmiche club oriented, ma anche qualche tocco di french house e 2step . In un continuo variare di colori e atmosfere. Sempre eleganti e fragranti.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner