partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Demonology Hifi
Inner Vox
Pankow
And shun the cure they most desire
Tenedle
Grancassa
Vikter Duplaix
Bold and beautiful
Stazione Elettronica II
L'elettronica nei suoni d'oggi
Shantel
Bucovina Club
Le Café Abstract vol.4
Autori Vari
Akatombo
Trace Elements
Icebreaker International & Manual
Into Forever
Autori Vari
Real Ibiza VI

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/08/2017 - 03:59

 

  home>musica > electro

Scanner - musica
 


AA. VV.
Harpsichord 2000
Un clavicembalo ben temperato!
S.H.A.D.O. records 2000

 




                     di Raffaello Carusi


Tocca al clavicembalo aprire la 'Prospettiva 21° secolo', nuova avventura serial-sterofonica promossa dalla S.H.A.D.O. records. Uno degli strumenti più particolari e sfortunati, che già agli inizi dell'ottocento ha dovuto cedere il passo al più versatile (e forse più completo suono del) pianoforte. Un suono perciò arcano, che oggi come in recente passato è utilizzato per patinare (anche utilizzando i suoi clonatori elettronici) d'antico l'arrangiamento.

Lo spunto di realizzare un cd di inediti composti appositamente in chiave clavicembalistica è stato involontariamente lanciato da Momus, che lo ha utilizzato in un brano-ritratto incluso nel suo Stars forever.

Sotto la guida e la supervisione dei Valvola (a loro volta presenti con due ottimi brani, Baroque buquet e Cupa atmosfera) sfilano, intervallati da brevi intermezzi barocchi al clavicembalo di raccordo, alcuni nomi emergenti del panorama cinematico o lounge europeo, come gli acclamati Stereo Total (Rock that harpsichord shit), i norvegesi Remington Super 60 (You wanna hear my new song, You used to be my baby, She don't lie), le tedesche Die Moulinettes (Flipper queen, in aria Stereolab), Count Indigo che dal suo club londinese Madame JoJo invia qui Call yourself a man, gli scozzesi The Secret Goldfish con la loro 'easytempo' Babaar and Celeste, cui fa seguito la Ears dei Cinematica di David Gedge (Wedding present) e Micromars (Christer Jensen) con i cinguettii di Futè robot...per tornare allo stesso Momus con l'inedita Human diversity.

Una nuova avventura stereofonica che inizia sotto i migliori auspici, con varietà di stili (pop psichedelico, b-movies, melodie francesi anni sessanta, ecc.) e freschezza di intenti. In attesa che presto arrivi il turno di un nuovo strumento.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner