partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Demonology Hifi
Inner Vox
Pankow
And shun the cure they most desire
Tenedle
Grancassa
Vikter Duplaix
Bold and beautiful
Stazione Elettronica II
L'elettronica nei suoni d'oggi
Shantel
Bucovina Club
Le Café Abstract vol.4
Autori Vari
Akatombo
Trace Elements
Icebreaker International & Manual
Into Forever
Autori Vari
Real Ibiza VI

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 16:02

 

  home>musica > electro

Scanner - musica
 


Akatombo
Trace Elements
Una visione elettronica del futuro molto personale.

 




                     di Romano Rigamonti


La passione per tutto quello che è suono è il fondamento dell’album di Akatombo, Trace Elements (Swim~/Wide).
Il Giappone con tutta la sua forza alienante è il contenitore sonoro da cui Akatombo prende a piene mani le immagini soniche per le proprie composizioni, ma la sensibilità con cui mette in pratica questa operazione è tutta europea.
Akatombo è infatti il nome giapponese di Paul Thomsen Kirk, anima nata sulle coste d’Albione, ma trapiantata nella rutilante realtà nipponica, da cui prende spunto per la composizione degli undici brani presenti in Trace Elements.
Con una notevole abilità Akatombo cannibalizza ogni sorta di rumore, suono, frame musicale, ritmo e, da una massa quasi indistinta di frammenti sonici, assembla il proprio sound nell’arco di un solo giorno in uno studio di registrazione di Hiroshima, dove i tecnici del suono che lo aiutano non sanno neppure parlare inglese.
Il risultato di questa operazione è questo Trace Elements, che, partendo da una frammentarietà sonica non numerabile, trova la via per una peculiare fluidità stilistica frutto esclusivo della mente artistica di Akatombo.
Il continuum sonoro formato dall’unitarietà d’ispirazione porta ad una sequenza di brani da cui traspare forte la personalità musicale di Akatombo, che, sfruttando i linguaggi stilistici attuali, dal downbeat al breakbeat, dalla ambient al rumorismo, imbastisce qualcosa che non è classificabile, se non come sound d’avanguardia.
Attimi fuggenti riportano alla mente suoni conosciuti, dagli storici Tangerine Dream ai Leftfield, passando per My Bloody Valentine e Seefeel, ma scompaiono nella forte impronta stilistica imposta dall’ispirazione artistica di Paul Thomsen Kirk.
Akatombo riesce a dominare lo spirito musicale variegato e poliedrico dei nostri tempi, imponendo al suono dell’oggi la sua personale visione sonica, ma puntata ad un futuro non ancora certo.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner