partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
I’m with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give ‘till it’s gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/10/2017 - 16:55

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


George Michael
Songs from the last century
[Virgin 1999]

 




                     di Paolo Boschi


L’ultimo album dell’ex Wham! arriva dopo il ritorno-confessione di Older, alla fine di un’annosa causa giudiziaria con la sua etichetta discografica. Songs from the last century, come si comprende dal titolo, è un disco di covers: per realizzarlo George Michael ha scelto dieci brani dal ricco repertorio del Novecento, cantando i pezzi (amati in privato) con i quali da sempre avrebbe voluto mettersi alla prova (in pubblico). Il risultato è un itinerario che presenta non poche sorprese: in primo piano le canzoni dei maestri del pop, come Roxanne, primo successo di Sting nel periodo dei Police, Miss Sarajevo dei Passengers di Bono e Pavarotti, e My baby just cares for me resa celebre dall’interpretazione di Nina Simone. Questo solo per citare tre degli esempi più riusciti della selezione: in Songs from the last century George Michael opera una rilettura dei vari brani da una generalizzata ottica (morbidamente) jazz. Il risultato è d’indubbia presa emotiva: la voce del cantante di origine cipriota aleggia avvolgente sulla sua personale galleria di ricordi acustici, quasi un album di preziose foto sonore conservate gelosamente per anni prima di trovare il coraggio di mostrarle in pubblico. In molti casi George Michael semplicemente sorprende: basti ascoltare il frizzante ritmo di Secret love (resa famosa in un musical da Doris Day), o la deliziosa Where or when, elegantemente ‘snaturata’ rispetto alla versione di Frank Sinatra, o infine la classica You’ve changed, un classico interpretato anche da Julie London (una delle cantanti preferite di George Michael, pare). Un album gradevole, prezioso e ricco d’atmosfera.

George Michael, Songs from the last century [Virgin 1999]

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner