partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Coldplay
Music of the Spheres
Radiohead
Il 2017 per ripartire
Katy Perry
Prism (cd e tour)
David Bowie
The next day
Gotye
Making Mirrors
Rumer
Seasons of my soul
Caro Emerald
Deleted scenes from the cutting room floor
Eliza Doolittle
Eliza Doolittle
Diana Krall
Quiet nights
Paolo Nutini
Sunny Side Up

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/08/2022 - 00:40

 

  home>musica > rock_pop

Scanner - musica
 


Elisa
Then comes the sun
[Sugar 2001]

 




                     di Paolo Boschi


Lotus
Then comes the sun
Asile's World
Pipes & Flowers


S'intitola Then comes the sun l'ultimo album di Elisa Toffoli da Monfalcone, in arte semplicemente Elisa: dopo il trionfo al Festival di Sanremo 2001 la giovane cantautrice friulana ha dunque tenuto fede alla promessa di continuare a scrivere e cantare in lingua inglese che, dal punto di vista musicale, le si adatta come una seconda pelle. Then comes the sun è stato registrato in America tra l'agosto ed il settembre del 2001, per l'esattezza in California, tra Berkeley e Sausalito, successivamente al trionfale tour di oltre quattro mesi col quale Elisa ha portato il suo repertorio in giro per l'Italia. Per l'artista di Monfalcone si tratta del terzo album in carriera, dopo l'esordio nel 1997 con Pipes & Flowers e la conferma di Asile's World, uscito nel 2000 e ripubblicato nella primavera 2001 con l'aggiunta in tracklist di Luce (tramonti a nord est), il brano vincitore dell'ultimo festival della canzone italiana. Rispetto ai precedenti lavori - nel dettaglio l'immediatezza di Pipes & Flowers e la razionalità di Asile's World - Elisa con Then comes the sun sembra aver raggiunto una dimensione più matura, mostrando di saper conquistare il pubblico con l'essenzialità insita nella sua musica e le suggestioni canore della sua voce, attraverso il desiderio di mettersi in gioco con semplicità, semplicemente raccontandosi: in un certo senso il terzo disco in carriera sublima i precedenti, offre concettualità e passione allo stesso tempo, anche grazie al movimentato sound che Elisa ha saputo mettere a punto sotto la guida creativa di Corrado Rustici, che già aveva prodotto il suo album d'esordio. Il singolo di lancio dell'album è Heaven out of hell, una canzone in pressante crescendo che l'autrice ha dedicato alla madre, una donna capace di trasformare l'inferno in paradiso: il relativo video è stato diretto dal regista Alessandro D'Alatri e girato in notturna nel palazzo del ghiaccio di Milano. La tracklist di Then comes the sun comprende complessivamente dodici brani più una ghost track: l'apertura è affidata alla rarefatta Rainbow, una piccola gemma di grande atmosfera che prelude al singolo. La prima ballad dell'album è la delicatissima Dancing, una canzone di rara intensità e dall'apertura vagamente gospel che mette in risalto la notevole padronanza vocale della giovane artista. A ruota segue il primo pezzo all'insegna del movimento: trattasi di Fever, un hard rock leggermente acido e molto energetico. Notevole e di grande presa anche la successiva Stranger, una canzone sognante, spirituale e lirica che costituisce un ideale dittico centrale all'insegna delle emozioni con A little over zero, una ballata eterea quanto irresistibile già presente in Asile's World ma qui riproposta con un arrangiamento ed un testo diversi. La sezione ritmica si riapre poi con l'ipnotica ed elettronica Time, seguita da Fairy girl, un'altra gemma che odora di fiabe e sentimenti. Da segnalare anche il minimalismo di The window, l'insostenibile progressione di Rock your soul, evocativo quanto struggente, la contagiosa potenza di It is what it is ed infine Simplicity, disadorna quanto intensa. La scelta della lingua inglese dovrebbe aiutare Elisa nella scalata al mercato internazionale: non a caso l'etichetta discografica della cantante, la Sugar di Caterina Caselli, si è alleata con la Sony per lanciare il disco anche nel mercato americano, bissando l'exploit messo a segno con Andrea Bocelli. Quel che è certo è che siamo davanti ad un ottimo album: Then comes the sun testimonia la crescita artistica di Elisa e regala un gran numero di suggestioni musicali.

Elisa, Then comes the sun [Sugar 2001]

Voto 7˝ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner