partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Maneskin
Sono tornati negli Stati Uniti
Erriquez
Addio poeta rock
Acquaraggia
Pontifex. Dylan on the Great Wall
Diodato
Storie di un’altra estate
Riccardo Marasco
Noi ti si ricorda così 2020
Mika
Sinfonia pop
Giancarlo Schiaffini
L’improvvisazione non si improvvisa
R.E.M.
Si sono sciolti
Roberto Cacciapaglia
Ten directions
Hector Zazou
Scanner ricorda il grande artista

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  03/03/2024 - 07:24

 

  home>musica > personaggi

Scanner - musica
 


The Blur
Dall'esplosione del fenomeno brit-pop ad oggi
Damon Albarn, Graham Coxon, Alex James, Dave Rowntree: the Blur

 




                     di Paolo Boschi


Non sono una signora


Correva l'anno 1991 quando Damon Albarn (voce solista), con Graham Coxon (chitarre), Alex James (basso) e Dave Rowntree (batteria) - quattro ragazzi provenienti dall'Essex che si erano conosciuti frequentando lo stesso college londinese - fondarono uno dei gruppi che poi meglio hanno tenuto la scena in quel controverso decennio ora volto a conclusione. In quel momento il vento del grunge spirava forte negli Usa (dove peraltro i Blur non sono mai riusciti a sfondare), così la neonata band scelse di cambiare direzione, proponendo una musica ironica, capace allo stesso tempo di uscite estemporanee e di citazioni più nobili, con i Fab Four come privilegiato punto di riferimento (esattamente quello che Noel Gallagher non ha mai smesso di fare con gli Oasis). E proprio il gruppo dei terribili fratelli Liam e Noel ha innescato fin dall'esordio e portato avanti una strategia di competizione con i Blur, sulla falsa traccia della gara a distanza negli anni Sessanta tra Stones e Beatles, inesistente in termini di proposta musicale, semmai più un agonismo sotto il versante dell'immagine. Tralasciando il background storico nel quale i Blur si sono mossi fino ad oggi, restano da segnalare i loro sei album di studio: dall'esordio con Leisure datato 1991 fino all'antologia The best of Blur, uscita a fine 2000, che presenta diciassette hits e l'inedito Music is my radar. Il primo rilevante cambio di direzione è testimoniato da Modern life is rubbish (1993), nel quale i Blur teorizzavano l'assioma che la vita contemporanea è spazzatura e, dato che tutte le rotte musicali sono ormai state navigate, davano avvio ad un indiscriminato saccheggio del pop inglese, dai Beatles fino a Bowie passando per i Who. Parklife (1994) e The great escape (1995) - che uscì in epico contrasto con What's the story (morning glory), anche sul fronte dei singoli estratti -, continuano e portano ai massimi livelli il confronto con gli Oasis. Ma il quartetto londinese già con i recenti Blur (1997) e 13 (1999), ultimi atti ed indiscussi picchi creativi dei Blur, mostra di essersi ormai svincolato da tale logica e di aver intrapreso un cammino più personale e sperimentale. La discografia dei Blur si completa con l'album dal vivo Live at Budokan (1996).

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner