partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Patti Smith
Banga
Amy MacDonald
This Is The Life
Red Hot Chili Peppers
Im with you
Led Zeppelin
Mothership
Anna Calvi
Anna Calvi
Coldplay
Mylo Xyloto
Ben Harper
Give till its gone
Gomez
Whatever's on your mind
Foo Fighters
Wasting Light
The Charlatans
Who We Touch

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 21:54

 

  home>musica > rock

Scanner - musica
 


Ana Popovic
Hush
La difficile carriera della chitarrista blues
[Ruf Records] 2001

 




                     di Bernardo Cioci


E' normale essere una blueswoman? A parte le ovvie e gradite eccezioni, bisogna ammettere che non sono molte le donne che intraprendono la difficile carriera di chitarrista blues. Per non parlare delle poche mosche bianche capaci di trovarsi un contratto discografico.

Ana Popovicc' riuscita, aggiungendovi un'ulteriore discriminante: donna, suona il blues ed europea. Qualche problema? Lei di sicuro non ne ha e con questo debutto, "Hush", ne offre una prova pi che lampante.

Registrato fra Memphised Utrecht, " Hush" mette in risalto le doti di compositrice della Popovic, dotata di una buona voce - anche se non particolarmente originale - e di un talento che le consente di ottenere degli arrangiamenti sempre molto orecchiabili, che flirtano con la tradizione blues-rock in maniera convincente senza dare l'impressione del gi sentito.

Come dite? Sembra un po' il ritratto di Bonnie Raitt? Beh non sar un caso se questo il primo termine di paragone utilizzato per parlare della musica di Anae della sua band, che morde letteralmente in alcuni momenti (il ballatone "How Lonely Can a Woman Get", l'ottima cover di "Bring Your Fine Self Home", con ospite l'aggressivo guitar-style di Bernard Allison, ma anche "I Won't Let You Down" e soprattutto "Hometown"...), soprattutto gli originali, e si mantiene comunque dignitoso anche nei momenti un po' pi fiacchi, leggi "altre cover non eccezionali" come "Downtown" del grande Tom Waits.

Ad ogni modo la band piuttosto buona, soprattutto la sezione ritmica (Dave Smith al basso e Steve Mergen alla batteria, anche se dal vivo Ana accompagnata da musicisti diversi) che riesce a far pulsare veramente i brani, cosa che nel blues poi attitudine fondamentale e sacrosanta.

In definitiva, " Hush" un album fra blues e rock piuttosto tradizionale e melodico, di facile ascolto ma non per questo svenduto o comunque scontato. Chi fan di figure come Bonnie Raitt o Susan Tedeschi corra pure al negozio, ma sinceramente consiglieremmo questo disco a tutti coloro che amano il suono elettrico e corposo di una Fender.

per informazioni sales@anapopovic.com

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner