partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Jesus Christ Superstar
Oltre gli stereotipi
La rivincita del Liscio
La grande festa del ballo e della musica folk
Led Zeppelin
Physical Graffiti
David Bowie
Addio Ziggy
Litfiba
Trilogia 1983-1989
Franz Ferdinand
Tonight: Franz Ferdinand
Sting
Symphonicities
Carla Bruni
Comme si de rien n’était
Firenze cambia musica
il grande evento musicale
La geriatrizzazione del rock
Giovani e vecchi. I rocker devono provocare

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  28/06/2022 - 07:49

 

  home>musica > cult

Scanner - musica
 


Il Signor G non meritava Endrigo
Il tributo televisivo
su RAI 2
del 4 gennaio 2003............

 




                     di Francesca Ristori


Giorgio Gaber dal vivo
Io non mi sento italiano


Sono una delle migliaia di persone che è giunta ieri da tutta Italia a salutare e dire grazie a Giorgio Gaber.
Ho fatto 300 km - senza pensarci un minuto - per poter essere lì, a tributare quell'ultimo collettivo applauso ad un uomo che per tutti coloro che lo hanno conosciuto rappresentava da sempre un punto di riferimento morale, umano, e poi anche artistico, musicale, poetico.
Tornata a casa la sera e volendo - come tanti altri - cullarmi ancora un po' nel ricordo collettivo del Signor G., perché ricordare insieme ha sempre una forza maggiore... ci siamo ritrovati davanti, su RAI 2, anziché il promesso tributo a Gaber (annunciato dai giornali e diffuso dal passaparola nel fiume di persone presenti al suo funerale), uno squallido servizio/accozzaglia di immagini, scelte non si sa con quale criterio ed unite a brani di artisti più o meno contemporanei di Gaber, assolutamente estranei a lui - da Ivan Graziani a Lucio Battisti!!! (...chi poi non era suo contemporaneo, visto che dal '65 a oggi Gaber è stato sulle scene).
Una sorta di Bignami della musica italiana degli ultimi 40 anni, presentato da un inadeguato Sergio Endrigo - persona che con Gaber non aveva certo uno speciale feeling! - in cardigan di lana da briscola con gli amici, assolutamente impreparato sulla carriera del Signor G. (Sua l'affermazione che avesse interrotto l'attività artistica fino all'apparizione da Celentano !!!
Mentre avrebbe dovuto documentarsi sul fatto che Gaber ha continuato a fare il suo teatro/canzone da sempre finché la salute glielo ha permesso, ricevendo anche un premio numero di spettatori portati a teatro).
E - ultimo ma non meno importante - permetterdosi arrogantemente di includere se medesimo - mister "per fare un albero ci vuole un fiore..." - nello stesso novero di Gaber ed affermare alla fine di questo inglorioso speciale "siamo rimasti in pochi"!!!
Gaber non era includibile in nessun gruppo.
Era una coscienza libera e coerente nel portare avanti - sempre - quel suo sguardo lucido e mai edulcorato sulla realtà.
Era talmente intelligente e impermeabile ad ogni etichetta posticcia di falso ideologismo da appoggiare la moglie "perché Ombretta è una brava persona" al di là delle sue scelte politiche, da sorridere divertito nel vedere Berlusconi al suo funerale, ma commuoversi di fronte a quello che avrebbe definito - con quella sua aria dolce e scanzonata - "tifo da stadio" giunto a dargli un ultimo saluto; da prendere posizioni impopolari e scomodissime in pezzi quali:"Io se fossi Dio", "Qualcuno era comunista", "E la chiesa si rinnova", etc. etc. etc. che nessun servizio o speciale televisivo ha avuto il coraggio di citare, limitandosi ai soli pezzi "di colore" con Gaber che all'inizio della carriera imita Elvis oppure compone brani melodici tipo "Non arrossire".
E tutto il resto? Tutta quella parte appassionata e incazzata di Gaber, politicamente ateo non per qualunquismo ma per mancanza di una strada convincente, umanamente disorientato da tanto falso buonismo sociale, paravento luccicante di una realtà crudele, individualista e mercato/dipendente, sentimentalmente uomo, con i suoi dubbi sulla capacità di amare, aderire veramente ad un pensiero ("se potessi magiare un'idea...), partecipare, perché - cantava ieri tutta la via, all'uscita della sua bara dalla camera ardente - "libertà è partecipazione".
Gaber era per me una seconda coscienza, un momento di riflessione obbligatoria e di azzeramento di tutte quelle piccole ipocrisie e meschinità che ogni giorno accumulo nella mia vita.
Continuerò a viverlo individualmente, ma dal momento che c'è un bisogno naturale e umano di condividere le proprie emozioni e i propri dolori, mi ha fatto veramente male vedere quello squallido tributo ad un uomo che di squallido non aveva proprio niemte, ieri sera, su Rai 2.
Grazie Giorgio.

Voto  

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner