partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Batracomiomachia
La versione di Leopardi
La Biennale di Venezia
Gli appuntamenti 2022
Musica in scena
Un progetto multidisciplinare
Biennale College
Terza edizione
Crave
Di Sarah Kane
Era la nostra casa
Scritto e diretto da Nicola Zavagli
Teatro popolare d’arte
Tutto Scorre - una favola nera
Tre donne in cerca di guai
Regia di Nicasio Anzelmo
Call Me God
Finalmente l'edizione italiana
Piero della Francesca
Il punto e la luce

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  03/03/2024 - 07:41

 

  home>live > appuntamenti

Scanner - live
 


Archètipo
Spoon River 2007
Antologia di Edgar Lee Masters, regia Riccardo Massai
Domenica 7 ottobre 2007 alle 16,30 al Cimitero Monumentale delle Porte Sante Basilica Di S. Miniato, Firenze

 




                     di Tommaso Chimenti


Associazione Archètipo : La Principessa Bianca, recensione dello spettacolo, regia di Riccardo Massai, 2010
Associazione Archètipo : La Principessa Bianca, presentazione dello spettacolo, regia di Riccardo Massai, 2010
Associazione Archètipo : Blu (nello spazio di un respiro), regia di Riccardo Massai, 2009
Associazione Archètipo : Spoon River di Edgar Lee Masters , regia di Riccardo Massai, 2007
Associazione Archètipo : Le Baccanti di Euripide, regia di Riccardo Massai, 2007
Associazione Archètipo : Spoon River di Edgar Lee Masters , regia di Riccardo Massai, 2006
Associazione Archètipo : Il mercante di Venezia di William Shakespeare, regia di Riccardo Massai, 2006
Associazione Archètipo : I Savoiardi, regia di Riccardo Massai, 2005
Associazione Archètipo : Battaglia nel Nero di Roland Topor, regia di Riccardo Massai, 2005 - 2006
Associazione Archètipo : Macbeth di William Shakespeare, regia di Riccardo Massai, 2004


Le statue tornano a muoversi, le lapidi si aprono, i mausolei tornano a vivere. A ciclo continuo si animano le tombe ed i loro personaggi. Memorie universali quelle di Spoon River, riprese da Riccardo Massai, che domenica 7 ottobre 2007 alle 16,30 al Cimitero Monumentale delle Porte Sante Basilica Di S. Miniato, Firenze ha riproposto la performance collettiva che tanto successo riscosse domenica 12 novembre 2006 al Cimitero Monumentale della Misericordia di Santa Maria all’Antella.

Anime che chiedono salvezza, perdono, un po’ di quell’ascolto che gli è stato negato in vita. Hanno voglia di raccontarsi, come un disco rotto, nelle stesse sequenze e movenze, come intercalare di un tempo nel tempo, una parentesi lasciata aperta, puntini di sospensione di un discorso frammentato. E si concedono, con i volti di trentasette attori nostrani (con fiocco rosso pro Birmania), alle braccia del pubblico itinerante protetti dall’eternità, da un lato, e del sepolcro freddo dietro di loro come cani alla catena, legati ad un elastico. I loro difetti, limiti e frustrazioni trovano ancoraggio e riparo nello spettatore che rivede, a specchio, punte di passato, iceberg di dolore personale. Un percorso che è una via crucis di tentazioni, in bilico tra il bene e il male, soprattutto di sconfitte, di estreme cadute, di lente e faticose risalite, di destini infami e infausti. Da una tomba all’altra si dimenticano i cipressi, i mausolei, le voci degli attori che si sovrappongono. E si scorge la tomba di Odoardo Spadaro, ricordato con “un bacione a Firenze” inciso, ci si imbatte in quella di Giovanni Papini, vicino alla postazione di Alessandro Riccio, la cappella di Stibbert, dove recita Alessio Sardelli, quella di Enrico Coveri, accanto a Italo Dall’Orto, con charme rubacuori da “Piccolo Principe”. Non dormono più sulla collina, come declama Carlo Monni (con tifo da stadio attorno), ma, finalmente, come marionette senza i pesanti fili della vita che ha deciso per loro ruoli e pene e punizioni, si animano improvvisamente per poi cadere in un piccolo sonno di stasi, un fermo immagine immobile per poi riprendere il piccolo tratto di vita e rifarsi carne in mezzo ad altra carne, tornare a poter toccare con mano la terra e di nuovo afflosciarsi come vestiti di scena dopo la prima. In lontananza si percepiscono i cori dei tifosi della Fiorentina, che ha appena pareggiata con l’odiata Juventus. Gli attori personalizzano le pagine di Edgar Lee Masters: Maria Cassi, l’ottico, intona vocalismi lirici evocativi, Fulvio Cauteruccio, l’indignato, chiede spiegazioni e vuole una seconda chance, Daniel Dwerryhouse, in doppia lingua, Massimo Grigò, il dottore, ha la sua solita voce profonda e sontuosa, così come Amerigo Fontani, non manca il rocker Riccardo Ventrella sempre incisivo, esalta Marco Zannoni che riecheggia potente. Bravi anche Teresa Fallai, energico Francesco Mancini, puntuale Massimo Salvianti, intenso Alberto Severi, Giusi Merli, decisa Piera Dabizzi, Elena D’Anna, Sabina Cesaroni, con occhiali da Wertmuller, Fabio Baronti.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner