partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


I Paladini di Francia
testo Francesco Niccolini
Piccoli Principi
Io, diversa
Compagnia Krypton
Il Ponte Di Pietra
Compagnia Piccoli Principi
Obraztsov, tema e variazioni
Laboratorio Famiglia in Oltretorrente
I racconti di Pippi
Giorgio Strehler
La storia della bambola abbandonata
Compagnia Piccoli Principi
Il risveglio di Sirenetta
TPO
Farfalle
Metastasio Ragazzi
Stagione teatrale 2007 - 2008
Compagnia Teatrale Piccoli Principi
Alessandro Libertini e Véronique Nah

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 08:59

 

  home>live > teatro_ragazzi

Scanner - live
 


Metastasio Ragazzi
Stagione teatrale 2007 - 2008
Un luogo magico pieno di racconti fantastici
Al Teatro metastasio, Fabbricone e Fabbrichino di Prato dal 14 novembre 2007 al 4 aprile 2008

 




                     di Giovanni Ballerini


Il Divo, 2008
This Must Be The Place, 2011
La grande bellezza, 2013


La volontà di costruire ogni volta un approccio stimolante dal punto di vista della proposta, ha condotto il progetto negli ultimi anni a potenziare la relazione tra Arte-Infanzia, definizione che stabilisce nuovi parametri nella composizione dei programmi e ne determina il livello qualitativo”

Il progetto Metastasio Ragazzi si conferma anche per la stagione teatrale 2007 2008 un momento di visioni suggestive, un luogo magico pieno di racconti fantastici, animato da immagini incantate, frammenti di sogni e storie che producono mondi meravigliosi.

Un cartellone di progetti dedicati alle nuove generazioni di alto livello qualitativo con proposte innovative di autori nazionali e internazionali rapportati all’infanzia.

Il programma di quest’anno si caratterizza con una serie d’appuntamenti eccezionali. Il Piccolo Teatro di Milano in collaborazione con il Teatro Metastasio presenta La storia della bambola abbandonata, regia di Giorgio Strehler ripresa da Andrea Jonasson. La storia della bambola abbandonata, scritto da Strehler da un classico di Bertolt Brecht e dal racconto di Alfonso Sastre, fu l’unico spettacolo prodotto nel lontano 1976 che il regista realizzò per bambini e costituisce una sorta di modello degli intendimenti sulla didattica e sul teatro. Lo spettacolo è stato riallestito in occasione del sessantesimo anniversario del Piccolo.

Tra le ospitalità internazionali due compagnie straniere, Cie Voix-Off in Né dell’originale e fantasioso clown francese Damien Bouvet e il gruppo belga Théàtre de Galafronie  che con On pense à vous, propone un approccio attivo all’arte contemporanea. Lo spettacolo avviene all’interno di una Yourt, una tenda rotonda tradizionale della Mongolia, e utilizza la pittura per esprimere ciò che, a volte, non è possibile dire con le parole: segni, macchie, tratti, linee e cancellature raccontano storie, aneddoti e emozioni.

Tra le novità due gruppi di nuova costituzione la Compagnia Rodisio con Il lupo e la capra  di Davide Doro e Manuela Capace, vincitore del premio Eolo 2007 come miglior spettacolo di teatro ragazzi italiano, ispirato ad un racconto di un autore giapponese,Y. Kimura, che si è imposto con questa piccola storia nel panorama della narrativa per ragazzi.

Taniko, La favola della grande legge del giovane regista Antonio Calone, vincitore del Premio Scenario Infanzia 2006. Lo spettacolo, dalla riconoscibile impronta giapponese, tratta di un esperimento di teatro interattivo in cui il pubblico è chiamato a prendere parte ad un processo che mira a collaudare le basi di un funzionamento sociale partecipato, applicato a temi universali che interessano diversamente sia i ragazzi che gli adulti.

Confermato e rafforzato il rapporto di coproduzione tra il Teatro Metastasio e il TPO che presenterà la ripresa dello spettacolo Farfalle proseguendo la sperimentazione sull’utilizzo di  nuovi linguaggi   digitali. Lo spettatore è invitato ad entrare dentro la scena, a muoversi  tra le immagini che lo avvolgono e che reagiscono ai suoi gesti e ai suoi movimenti.

A partire da questa stagione il  TPO realizzerà inoltre un progetto speciale pluriennale dal titolo O-O [Occhio Orecchio] che ogni anno cercherà una collaborazione con un autore e illustratore di livello internazionale per allestire uno spettacolo sperimentale, capace di creare una relazione artistica e teatrale tra immagini, testo ed arti performative.

Il primo appuntamento è In bocca al lupo che debutterà a marzo 2008 ed è stato scelto l’autore e illustratore argentino, Fabian Negrin della casa editrice Occhio Acerbo che ha reinterpretato la fiaba di Cappucetto Rosso trasformandola in una delicata storia d’amore.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner