partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Leoni per la Danza 2018
Marie Chouinard ha scelto:
A.T. De Keersmaeker
A love supreme
Palcoscenico Danza 2017
Inaugura Aterballetto
Lindy Hop
Gli appuntamenti cool
Giovani Coreografi
Vetrina Internazionale
Cenacoli Fiorentini
Grande Adagio Popolare
B.Motion
Gran finale 2014,
CCDC
As If To Nothing
7th Sense
Di Vahan Badalyan
Lo Schiaccianoci
di Pëtr Il'ič Čajkovskij

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  27/02/2020 - 20:59

 

  home>live > danza

Scanner - live
 


Compagnia Giardino Chiuso
Macchine
testi di Sebastiano Vassalli, regia di Tuccio Guicciardini, con Fulvio Cauteruccio e Patrizia de Bari, coreografie di Patrizia de Bari, video di Andrea Montagnani, luci di Lucilla Baroni. Realizzato in coproduzione con Museo MART di Trento e Rovereto
Al Teatro Studio di Scandicci il 19 e 20 aprile 2008

 




                     di Tommaso Chimenti


Compagnia Giardino Chiuso, Macchine, 2008
Mitomacchina Storia, tecnologia e futuro del design, 2007


Il linguaggio letterario di Sebastiano Vassalli è strutturato per una prosa letta, nero su bianco, sulla pagina, nella mente, in silenzio, evocativa che porti. Riportarla però a teatro, senza una drammaturgia che ne limi, anche dialetticamente, angoli o, al contrario, ne esalti la durezza, ne amplifichi gli spazi e gli interstizi, ne mina la potenza e le potenzialità. Perché, c’è differenza tra una pagina e la sua riproposizione teatrale. Tre gli episodi messi in atto, mentre la danzatrice e coreografa stigmatizzava e sottolineava gli interventi vocali di Fulvio Cauteruccio (anche fuori campo in una disarmonia a volte non così scorrevole), doppiato dalle proprie parole in audio in un, inutile, giro di vite virtuoso tra la faccia esposta e la propria vocalità ridistruibuita dall’alto in un gioco di specchi anche stucchevole e non così efficace. In video macchine e strade e strisce pedonali e rombi di motore e tubi di scappamento a rafforzare il titolo, “Macchine”. Un ingorgo con un amplesso tra un camionista ed una signorotta, nel cortocircuito tra classi in una vendetta testa coda dell’uomo animale e viscerale del basso ceto con l’impellicciata liftingata pregiudizievole immersi in uno splendido via vai di mini macchine a pedali flintstoniane per bambini. Al limite della commozione l’ex soldato in carrozzella (ricorda nella trasposizione “Il mio piede sinistro” con Daniel Day Lewis) stroncato dal senso di colpa dell’abbattimento dell’auto che viaggiava spedita verso il loro posto di blocco guidata da fanciulli dall’infanzia negata e per questo loro gioco immolati all’altare del martirio predestinato, e per questo suggellata con medaglie al valore. Il terzo è un suicidio idilliaco in una macchina diventata bara per due anziani che per sfuggire alla morte la autoprovocano scegliendo il momento del calare il sipario senza attendere una fine improvvisa. Chi lo chiama coraggio e chi viltà. Il motore è un cuore che pulsa e si contrae, una cinghia che ruota a dismisura, la macchina è un guscio indispensabile, un carapace che contiene, una conchiglia con dentro un paguro, una chiocciola che ospita un mollusco, lo scudo di ferro degli Achei. La fine-cimitero è lo sfasciacarrozze. La regia di Tuccio Guicciardini si limita ad assemblare le tre parti in gioco, recitazione lucida di Fulvio Cauteruccio, danza ondulata e scorrevole di Patrizia De Bari, e video didascalici di Andrea Montagnani, senza però riuscire a trovare quel legame sotteso, quel necessario magma, quella saliva che non solo leghi e colleghi ma che innesti l’uno dentro l’altro i vari mondi facendoli dialogare e germogliare. Il lavoro della Compagnia Giardino Chiuso ha debuttato come  primo studio all’Auditorium Melotti di Rovereto in occasione della mostra Mitomacchina del museo Mart di Trento-Rovereto.

Voto 6 ½  

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner