partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Felicità turbate
Di Tiezzi e Luzi
Roberto Mercadini
Felicità for dummies
Rimini Protokoll
La Conferenza degli Assenti
Teatro dei Gordi
Pandora
Leoni per il Teatro 2021
La Biennale di Venezia
Winston vs Churchill
Regia di Paola Rota
Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta
Pinocchi: recensione
Regia di Andrea Macaluso
Intercity Bruxelles
XXX edizione – 30 anni

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 12:09

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Alveare La linea Verde
Per Contemporanea Festival 2005
I lavori di dodici giovani gruppi, suddivisi in tre diverse linee
A Officina Giovani - ex macelli di Prato

 




                     di Tommaso Chimenti


Contemporanea Festival 05 : presentazione
Contemporanea Festival 05 : L’arte della performance
Contemporanea Festival 05 : Alveare La linea Rossa
Contemporanea Festival 05 : Alveare La linea Gialla
Contemporanea Festival 05 : Alveare La linea Verde


La favola di Adamo e Eva per i Villanuccia ed il loro “Deus ex ”. Una cantante lirica in nero, una vestale verginea in bianco che danza sensuale con l’Adamo tra due pozzanghere coperte di petali. Dalle tele rosse ai lati spuntano decine di paia di scarpe. Un ironico fruttivendolo, col classico piglio da mercato centrale e l’accento di San Frediano, ci riporta alla quotidianità mischiando il sacro ed il profano, la leggenda con l’oggi. Offre, vende, mele agli spettatori così come all’Eva improvvisata. La mela rossa viene colta, accolta e morsa dal bell’Adamo ignaro scatenando le ire del Dio cattivo dell’Antico Testamento che con tuoni e fulmini, tra roboanti scrosci di stagnola, li uccide, galleggiano come petali sfioriti, facendoli cantare dall’arpia messianica, avvoltoio che vede ma non può cambiare il corso del destino ma soltanto narrarlo: 8.

Scarpe e piedi, il paradiso dei feticisti. Teatrificio Esse partendo dal racconto di Calvino “la pantofola spaiata” mettono in scena “Bipedi”. Un grande mucchio di scarpe al centro della stanza, stazione di passaggio? o cumulo di oggetti stile lager?, e tutti i protagonisti a caccia dell’altra scarpa mancante. Viaggiano metà coperti, metà scalzi in un continuo ticchettio claudicante. La ricerca è forsennata ma vana senza il lieto fine di Cenerentola. Cercano la mezza mela, l’anima gemella, cercano se stessi. Chi appende le scarpe al chiodo come i vecchi calciatori o come lo Zeno della coscienza omonima, chi le usa come armi per il linciaggio del paese contro il diverso, come iene si azzannano azzuffandosi sulla preda- collina di calzature, suonando alla fine come i Momix le suole in un ritmo spagnoleggiante di quasi nacchere: 8.

Alle domande da quiz non c’è mai risposta che non sia banale, chiusa, senza approfondimento, senza ragionamento, non concettuale né dialettica ma solo culturale. “Openvolume degli Open parte da tutte le domande stupide senza risposta alla Gerry Scotti o alla Amadeus, dalla Playstation come risultanza della monotonia del gesto, della velocità della solitudine. Capelli biondi ala Eminem per i due sulla scena, un pozzo con una ragazza in muta da sub ed occhialoni anni ’70 che emerge prima e poi si rituffa ad intervalli regolari, una Multipla che s’accende, finti suicidi: 5.

Un minuto a testa per questa performance solitaria. Lapetitmort scardina il senso comune, incuriosisce ed impaurisce con “Time is like a bullet from behind”. Si entra da soli, uno alla volta e l’attesa cresce accompagnati da una pila tra teli e lenzuola rosse. Si apre una stanza- sala da ballo, sulla destra e sulla sinistra file di sedie prenotate, un tappeto rosso che invita a continuare la camminata surreale. Sull’ultima sedia in fondo un uomo, vestito da cameriera con una pallina sadomaso in bocca e gambe pelose, vicino a lui una fessura vaginale dove infilare sguardo e testa per scoprire un televisore sta alle spalle sta riprendendo la scena. Vedersi di schiena con al fianco un prigioniero imbavagliato da la sensazione di aguzzini ridanciani, di orchi che se la spassano con la tecnologia mentre la vittima- consenziente gode della sua prigionia. Cattivi maestri?: 7.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner