partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Pessoa. Since I've been me
Recensione dello spettacolo
Pessoa. Since I've been me
Regia, scene e luci di Robert Wilson
Felicità turbate
Di Tiezzi e Luzi
Roberto Mercadini
Felicità for dummies
Rimini Protokoll
La Conferenza degli Assenti
Teatro dei Gordi
Pandora
Leoni per il Teatro 2021
La Biennale di Venezia
Winston vs Churchill
Regia di Paola Rota
Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/07/2024 - 17:27

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Gruppo Sperimentale Villanuccia
M di iMMenso L'uomo che vive nello spazio
Liberamente ispirato all'opera di Henri Michaux
6 e 7 maggio 2003 a Fabbrica Europa

 




                     di Giovanni Ballerini


"Le droghe ci annoiano col loro paradiso,. ci diano, piuttosto, un po' di conoscenza.. Noi non siamo un secolo da paradisi" affermava Henri Michaux in Connaissance par les gouffres. Un evento teatrale è dedicato all'anima sperimentale e visionaria dell'artista scoperto da André Gide, che nella sua vita (Namur 1899 - Pargi 1984) ha esplorato con raziocinio varie realtà e movimenti creativi: dai contatti con il gruppo surrealista, alla direzione della rivista Hermès (che indagava i rapporti tra mistica e poesia) a quelli con l'esistenzialismo, dalla scrittura (assolutamente ribelle), alla poesia, dal giornalismo alla pittura di spazi psichici, alla sperimentazione degli allucinogeni, in particolare della mescalina. A questo particolarissimo e intenso viaggio estremo nella creatività dedica attenzione il Gruppo Sperimentale Villanuccia, che propone a Fabbrica Europa il 6 e 7 maggio 2003 (ore 19), M di iMMenso L'uomo che vive nello spazio, liberamente ispirato all'opera di Henri Michaux, in particolare da due suoi testi: "L'infinito turbolento" (1957) e "Miserabile miracolo" (1956). Il progetto, i video, le scene e la regia sono di Nino Cannatà, le coreografie di Max Campagnani (che danza insieme a Raffaella Cezza), i costumi di Monica Caminiti, le musiche digitali di Alberto Tucci, i disegni digitali di Francesca Bellat, le animazioni video di Simone Carrai, Leonardo Leporatti, Nino Cannatà, le animazioni 3D di Francesco Pafumi, attore in scena David Campanini.

Il risultato è un'interessante tentativo di mettere in luce due aspetti compresenti di una stessa realtà attraverso una performance che si svolge su due spazi scenici separati da un muro-schermo. Una sorta di confine fra due ambienti sensoriali in speculare opposizione, ma allo stesso tempo un filtro, uno schermo - specchio, che propone una proiezione distorsione di una visione interna. Oltre quel muro i diversi elementi come l'attore, i danzatori, i musicisti, i profumi, i suoni, le parole, si alternano, si accavallano e interagiscono, creando una sinfonia performativa. Spettatore e attore si trovano in due luoghi-dimensioni diversi e opposti, separati da una visione-proiezione, dove le immagini video si intersecano con la musica suonata dal vivo. Anche nella colonna sonora giocano gli opposti e il pianoforte di Julian Abbott si confronta e si specchia nella musica elettronica, in una continua alternanza tra un opposto e l'altro.

Voto 6 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner