partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Balletto Arabesque
Highlights
Leoni per la Danza 2018
Marie Chouinard ha scelto:
A.T. De Keersmaeker
A love supreme
Palcoscenico Danza 2017
Inaugura Aterballetto
Lindy Hop
Gli appuntamenti cool
Giovani Coreografi
Vetrina Internazionale
Cenacoli Fiorentini
Grande Adagio Popolare
B.Motion
Gran finale 2014,
CCDC
As If To Nothing
7th Sense
Di Vahan Badalyan

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 05:49

 

  home>live > danza

Scanner - live
 


Giardino Chiuso
Candido, ispirato al Candide di Voltaire
Regia Tuccio Guicciardin, consulenza Coreografica: Simona Bucci, danzatori: Amina Amici, Patrizia de Bari, Benedetta Cavallini, attore: Marco Venienti, produzione musicale: Nieri Brogi, elementi scenografici: Andrea Montagnani
Il 20 maggio 2003 a Fabbrica Europa

 




                     di Giovanni Ballerini


Prosegue a Fabbrica Europa  2003 la selezione sulla danza. Dopo i grandi maestri, si affacciano alla Stazione Leopolda le nuove generazioni della danza. E’ il caso dei Giardino Chiuso, che martedì 20 maggio 2003 presentano in prima assoluta "Candido".

Il gruppo Giardino Chiuso nasce nel 1995 come compagnia di danza in collaborazione con il Gruppo della Rocca di Torino e nello stesso anno debutta a VignaleDanza con lo spettacolo “Hombre” (coreografie di Deanna Losi, messa in scena di Tuccio Guicciardini). Con la successiva produzione “Il Profeta disarmato” il Gruppo si avvicina alla contaminazione della parola nella danza, elemento che costituisce tuttora la base di ricerca della compagnia. Nel 1998, in collaborazione con Torao Suzuki e l’Associazione “Aramis, Giardino Chiuso” realizza “Lettere a Casais Monteiro – Viaggio intorno a Fernando Pessoa”, spettacolo per tre ballerini e un attore, che debutta in maggio al festival Fabbrica Europa 98. Dopo “L’amor brujo”, lo spettacolo itinerante nella Rocca di Montesfaffoli a San Gimignano, che ha inaugurato il Festival di San Gimignano 1999, la compagnia Giardino Chiuso approda a questa nuova produzione che debutta a Fabbrica Europa 2003. Lo spettacolo prosegue nel solco del ciclo iniziato nel ’98 con lo spettacolo “Lettere a Casais Monteiro” e “Studio Otello”, che invece era liberamente ispirato all’Otello di William Shakespeare. L’incontro con il "Candido" permette di sviluppare il tema del viaggio. Dal viaggio immaginario di Fernando Pessoa al viaggio nell’esistenza per Otello, si approda quindi al viaggio filosofico di Candido. Ma anche un viaggio nella solitudine, che è sottolineato dall’unica voce narrante in scena. Espressione attraverso il movimento – momento di racconto universale, momento evocativo di contemporaneità, quadro senza tempo. Candido e la sua  memoria per ripercorrere un viaggio sempre diverso attraverso gli innumerevoli mondi che si contrastano e sormontano per avere ognuno la propria ragione.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner