partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


La Fura dels Baus
Free Bach 212. Recensione
Semiramide
Di Gioachino Rossini
L'Amour des Trois Oranges
di Sergej Sergeevič Prokof'ev
Il Nabucco
Di Giuseppe Verdi
Un flauto magico di Mozart
Regia di Peter Brook
Carmina Burana
Cantata scenica per soli, coro e orchestra di Carl Orff
Compagnia Lavoro Nero Teatro
Jsb - Come Bach
Béla Bartók
Protagonista al Maggio Musicale Fiorentino
La Metamorfosi
Di Silvia Colasanti
Der Rosenkavalier
Inaugura il 75° Maggio Musicale Fiorentino

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  17/09/2019 - 02:35

 

  home>live > teatro_musicale

Scanner - live
 


Carmina Burana
Cantata scenica per soli, coro e orchestra di Carl Orff
Direttore Zubin Mehta, regia e scenografia Carlus Padrissa (La Fura dels Baus), video David Cid, disegno luci Sombra y luz, costumi Chu Uroz, soprano Angel Blue, controtenore Nicola Marchesini, baritono Audun Iversen, attrice Luca Espinosa. Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino, maestro del Coro Lorenzo Fratini, Coro di Voci Bianche della Scuola di Musica di Fiesole, direttore Joan Yakkey, MaggioDanza, direttore Francesco Ventriglia
Al Nelson Mandela Forum venerdì 8 febbraio 2013 per il Maggio Musicale Fiorentino,

 




                     di Giovanni Ballerini


"Normalmente eseguo quest’opera una volta ogni dieci anni ed è un piacere poterlo fare al Mandela Forum con la Fura, con cui si è ormai instaurata una collaborazione ideale".

Difficile dare torto a Zubin Mehta, che ha diretto alla grande I Carmina Burana nell’allestimento della Fura dels Baus venerdì 8 febbraio 2013 in una serata perfetta che ha visto il trionfo di un’idea operistica lanciata bellamente fra presente e futuro. La scommessa del Maggio Musicale Fiorentino di proporre lo spettacolo in uno spazio inedito per il repertorio operistico, come il Nelson Mandela Forum, è stata premiata da grande afflusso di pubblico. Già sold-out da settimane, I Carmina Burana hanno catalizzato gli applausi di oltre 6.500 persone. Una platea di tutte le età ha avuto modo di apprezzare le invenzioni furere, l'autorità con cui Mehta ha diretto la cantata scenica scritta da Carl Orff nel 1937 e anche la prova acustica del Nelson Mandela Forum che, in questa performance senza alcuna amplificazione, tutto sommato ha suonato meglio di quanto ci si potesse aspettare, sottolineando la sua vocazione di spazio polivalente.
Per l’occasione è stato montato al Mandela il palco più grande della sua storia (più imponente e articolato di un mega palco per concerti rock), è stato soprattutto molto interessante (e significativo) vedere l’intenso e gioioso rutilare delle maestranze tecniche, spalla a spalla con l’orchestra, il coro, i cantanti, gli attori e i ballerini in scena. Normalmente si tratta di mondi distinti e impermeabili, ma per una sera tutte le figure che hanno dato luogo alla kermesse hanno brillato per il perfetto interplay con cui hanno affrontato la ribalta. Nuovamente e magicamente insieme, dopo la recente Valchiria al Teatro Comunale (18-24 gennaio 2013) e innumerevoli altre produzioni, non solo a Firenze (basti pensare a tutto il Ring, prodotto dal Teatro del Maggio insieme al Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia, Zubin Mehta e la Fura dels Baus hanno coinvolto con il loro entusiasmo e la loro visione immaginifica in questo riuscito allestimento dei Carmina Burana tutti i complessi artistici del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (Orchestra, Coro e Corpo di Ballo), affiancati dal Coro di Voci Bianche della Scuola di Musica di Fiesole diretto da Joan Yakkey. Eccezionale anche il cast internazionale (il soprano Angel Blue, il controtenore Nicola Marchesini, il baritono Audun Iversen, l’attrice Luca Espinosa), che ha dato il meglio di sé in una messa in scena che ha affascinato la platea anche per l’impatto visivo, i sofisticati effetti speciali, il disegno luci di Sombra y luz, l’irruento scandire delle proiezioni create da David Cid, l’espressività dei costumi di Chu Uroz. Fantastica ancora una volta la sintonia fra Zubin Mehta  e Carlus Padrissa, che ha firmato la regia e la scenografia, esaltando le caratteristiche de La Fura dels Baus, di cui ha riproposto anche in questa avvincente pièce i caratteristici ingegni (i bracci meccanici elevatori, le vasche d’acqua in cui cantanti e ballerini hanno costruito le loro performance, i tulle bombardati di proiezioni, il cerchio ruotante) e l'inossidabile verve adrenalica.

"Grazie ai Carmina molta gente amerà l’opera in futuro – ha commentato Carlus Padrissa - Considero Zubin Mehta il direttore ‘de mi vida’. Carmina Burana non è uno spettacolo lunghissimo, ma incarna la pulsazione della vita e della festa".

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner