partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Semiramide
Di Gioachino Rossini
L'Amour des Trois Oranges
di Sergej Sergeevič Prokof'ev
Il Nabucco
Di Giuseppe Verdi
Un flauto magico di Mozart
Regia di Peter Brook
Carmina Burana
Cantata scenica per soli, coro e orchestra di Carl Orff
Compagnia Lavoro Nero Teatro
Jsb - Come Bach
Béla Bartók
Protagonista al Maggio Musicale Fiorentino
La Metamorfosi
Di Silvia Colasanti
Der Rosenkavalier
Inaugura il 75° Maggio Musicale Fiorentino
Anna Bolena
Di Gaetano Donizetti

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 06:55

 

  home>live > teatro_musicale

Scanner - live
 


L'Amour des Trois Oranges
di Sergej Sergeevič Prokof'ev
Sul podio Juraj Valčuha, la regia è firmata da Alessandro Talevi, le scene da Justin Arienti, i costumi da Manuel Pedretti. Le luci da Giuseppe Calabrò
Il 1, 3, 5 e 7 giugno 2014 va in scena l’ultima opera in programma al Teatro Comunale di Firenze. Il Maggio Musicale Fiorentino trasloca all’Opera di Firenze

 




                     di Giovanni Ballerini


Ci voleva l’opera buffa per antonomasia del ‘900 per dire addio, senza retorica, a un’istituzione fiorentina che cambia pelle (soprattutto acustica) e si rinnova. Ultime 4 recite, domenica 1 giugno, martedì 3 giugno e giovedì 5 giugno alle 20,30 e sabato 7 giugno 2014 alle 15,30 e, con "L'Amour des Trois Oranges”, cala il sipario sul Teatro Comunale di Firenze. Dopo tanto tergiversare, il momento è arrivato: un teatro prestigioso e ricco di storia lascia il testimone a un altro più futuribile, attrezzato e, pare, più funzionale: l’Opera di Firenze.
Per dare la possibilità al pubblico di salutare lo storico teatro, Bassilichi S.p.A, fra i Soci Fondatori del Maggio Musicale Fiorentino, ha donato  650 biglietti tra platea, palchi e galleria per la prima rappresentazione di domenica 1° giugno che sono andati esauriti in 3 ore. A grande richiesta altri 200 biglietti sono stati messi in vendita a metà prezzo. E non siamo che alla prima rappresentazione. Tutto ciò a conferma dell’affetto che i fiorentini non hanno mai nascosto per quel teatro austero di Corso Italia, vicino ai Lungarni che, dal 1861 al 2014, è stato casa della musica sinfonica e operistica cittadina e, dal 1933 a oggi, la sede e il palcoscenico del Maggio Musicale Fiorentino.
Ma, un teatro brilla degli spettacoli che ospita. E allora rendiamo  onore anche all’ultimo, a L'Amour des Trois Oranges, che a detta del regista, è un assurdo nonsense da gustare come un divertissement fugace o contiene temi più profondi, che meritano di essere sottolineati ed esplorati"
Per questo nuovo allestimento dello spettacolo con musica e libretto di Sergej Sergeevič Prokof'ev, tratto dalla commedia omonima di Carlo Gozzi, con traduzione francese di Véra Janacopulos e dell’autore, è stato decisa una versione cantata in francese, con sopratitoli in inglese e italiano.
A dirigere “L’amour des trois oranges” (“L’amore delle tre melarance”), Opera in un prologo e quattro atti, è, dopo l’ottima Butterfly di quest’inverno, Juraj Valčuha . La regia è firmata da Alessandro Talevi, le scene da Justin Arienti, i costumi da Manuel Pedretti. Le luci da Giuseppe Calabrò.
"Nella mia produzione ho fatto riferimento alle esperienze personali di Prokof'ev e guardato alla sua visione del mondo nel 1918, disegnando paralleli tra alcuni personaggi dell'opera e quelli che esistevano nel mondo reale (l'imperatore Francesco Giuseppe, il primo ministro russo Kerensky, le suffragette) - Spiega Alessandro Talevi nelle sue note di regia -. La giustapposizione di idee "serie" e figure del mondo contemporaneo con le maschere della commedia dell'arte e del circo sottolinea la natura satirica dell’opera; coerentemente con le letture più profonde dei miti, ho cercato di dare al ruolo cruciale della Fata Morgana quello di catalizzatore di uno sviluppo personale, piuttosto che quello di un personaggio malevolo. Il malinconico principe, incapace di trovare la gioia in un ambiente europeo patriarcale, è alla ricerca inconsapevole di qualcosa di nuovo e le stanche gioie della sua tradizione sono morte con lui. Solo attraverso il contatto con Morgana, personaggio che allude al Nuovo Mondo, all'America e ai legami spirituali con la musica e culture africane del jazz, egli cresce e si realizza”.
Personaggi e interpreti: Le Roi de Trèfles: Jean Teitgen; Le Prince: Jonathan Boyd; La Princesse Clarice: Julia Gertseva; Léandre: Davide Damiani; Trouffaldino: Loïx Félix; Pantalon: Leonardo Galeazzi; Le Magicien Tchélio: Roberto Abbondanza; Fata Morgana: Anna Shafajinskaia; Linette: Martina Belli; Nicolette: Antoinette Dennefeld; Ninette: Diletta Rizzo Marin; La Cuisinière: Kristinn Sigmundsson; Le Héraut: Karl Huml; Farfarello: Ramaz Chikviladze; Sméraldine: Larissa Schmidt; Le Maïtre de Cérémonies: Andrea Giovannini; Les Ridicules: Saverio Bambi, Dario Shikhmiri, Alessandro Calamai. Maestro del coro Lorenzo Fratini. Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino.
"Alcuni critici furono molto sensibili, altri cercarono di capire chi stessi prendendo in giro: il pubblico, Gozzi, la forma operistica oppure chi non ha il senso dell’umorismo - Afferma lo stesso Prokof’ev -. Hanno trovato nell’opera il ridicolo, la sfida, il grottesco e quant’altro; tutto quello che ho cercato di fare era scrivere un’opera divertente. L’amour des trois oranges, grazie all’immaginario arguto e surreale e alla sferzante parodia di abusati cliché teatrali, è infatti uno dei lavori più brillanti di tutto il repertorio operistico novecentesco. Dopo la produzione del 1979 cantata in italiano, torna a Firenze nell’originaria versione francese, con la direzione di Juraj Valčuha e in un nuovo allestimento firmato da Alessandro Talevi.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner