partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/07/2019 - 20:32

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Giampaolo Simi
Direttissimi altrove
Milano, Derive Approdi, 1999
Una storia estrema eppure credibile

 




                     di Simone Lenzi


Sembrava impossibile ormai raccontare una storia estrema eppure credibile , in cui i personaggi fossero dotati della virtù romanzesca per eccellenza, ovvero quella di vestire, sopra la pellaccia dell'individuo, i panni dell'universale.

Giampaolo Simi sembra esserci riuscito, forse aiutato, in questo, da una coscienziosità di 'scrittore di genere' che gli ha permesso di ritagliarsi, all'interno di una bella storia noir, la libertà di immaginare concretamente i profili dei suoi tre personaggi.

Tre, appunto: un imprenditore turistico di un certo successo, abile accordatore di vini e condìti (per quanto certo indoviniamo in lui anche il propinatore di Galestro degli anni ottanta), una bella ex cubista (nel senso corrente del tum cià tum cià , ovviamente, e non in quello di Braque ) che è diventata la sua amante, e, infine, l'indimenticabile Arbeit, al secolo Palmiro, un ragazzo che ha fatto della disoccupazione una scelta volontaria e lucida.

Una sorta di elemento destabilizzante, questo Arbeit, carnevalesco-bachtiniano quasi, che ha il candido potere di restituire alla realtà in cui si muove il caos che si cela sotto la sottile crosta dei compromessi e delle abitudini.

E vorrei tanto farvi qualche esempio, non fosse per il patto implicito di omertà che i recensori di gialli o di noir sottoscrivono, assieme agli autori, con il pubblico (che tutto può perdonare, ma non certo lo zelo delle spie di questura).

Ma dell'ambientazione, della scenografia naturale , dell'inverno sulla costa fra Tirrenia e Livorno (quei pini oppressi dal gravame delle nuvole, prima, dopo le libecciate, e, oltre le dune di sabbia, le colonie marine del ventennio abbandonate alla vacanza infinita, e oltre ancora, l'intrìco metallico delle raffinerie) di questo, credo, si possa accennare.

Perché è da questo sfondo appunto che si rilevano le figure umanissime di Simi, per poi andarsene alla fine del libro portandosi dietro la verità del luogo che li aveva generati.

Se posso dare un consiglio, infine, allora mi raccomando di leggerlo questo libro, e di andare poi a Calambrone (all'estrema periferia di Livorno ), una domenica di ottobre: non è una di quelle amene località in cui i rotocalchi televisivi ci raccomandano di assaggiare la tipica focaccetta col tipico formaggio dal nome impronunziabile pieno di vocali bastarde, ma è sicuramente un' esperienza dello spirito.

Giampaolo Simi, Direttissimi altrove, Milano, Derive Approdi, 1999

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner