partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/03/2019 - 11:48

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Pier Francesco Grasselli
L'Ultimo Cuba Libre
Una spietata analisi di una generazione perduta tra droga, sesso, denaro e violenza
Mursia Editore, pagine 320, Euro 12,00, ISBN 88-425-3535-

 




                     di Giovanni Ballerini


Ho scaricato Miss Italia, 2008
All'inferno ci vado in Porsche, 2007
L'Ultimo Cuba Libre, 2006


L'Ultimo Cuba Libre è un romanzo acuminato, crudo e penetrante come una lama di coltello, che mette a nudo le contraddizioni di una generazione poco indagata, anche se spesso citata nei soliti reportage giornalistici ad effetto. Non è un giallo, ma una spietata analisi di una generazione perduta tra droga, sesso, denaro, disco, pub e violenza. L'istantanea di una generazione che crede di saperla lunga e invece della vita non ha capito nulla. Il risultato è un vortice esistenziale che annienta, che annichilisce (e strega) il lettore fin dalle prime righe.

L'Ultimo Cuba Libre è un libro che fa rabbia, che indigna perché non lascia spiragli a un possibile miglioramento, perché non evoca alcun lieto fine. Anzi. E piano piano disintegra il sogno di una / tante vite apparentemente perfette che, analizzate un po' più da vicino, si rivelano laconici insuccessi.

Pier Francesco Grasselli scrive bene e, anche se quello che racconta è agghiacciante, esoso, riesce a polarizzare l’attenzione del lettore raccontando storie scellerate di giovani ricchi, che vivono fino in fondo, in un turbinio di cocktail e di strisce di coca, il loro clamoroso vuoto. Tutti personaggi liberamente tratti dalla realtà - Promette e mantiene Grasselli, 29 anni, di Reggio Emilia -. Io non giudico il loro vuoto, ci guardo dentro e lo racconto così com‘è".

Niente giochi di parole, ma fatti, pulsioni, dialoghi logori e sogni di latta per i personaggi che animano questo riuscito romanzo – reportage pubblicato con successo da Mursia Editore. Grasselli ha il coraggio di prendere di petto e narrare le infide gesta di una generazione mai raccontata da vicino, anzi da vicinissimo. Interessante l’espediente dell’autore di dare voce direttamente ai protagonisti (ogni mini capitolo ha il nome di una persona: Leo, Jessica, Max, Claudio e altri ancora…), con un ritmo serrato che fa venire in mente i videoclip, i videogiochi. Paradossalmente il vuoto mentale, la smania sessuale, la continua necessità di additivi chimici e alcolici e la mancanza di principi che accomuna tutti i personaggi del romanzo crea un’inquietante ridondanza che infastidisce il lettore, ma che allo stesso tempo gli spiega meglio di 1000 descrizioni con chi si ha a che fare. Alla fine la serialità dei protagonisti (in sostanza figli di papà, che credono che la loro fuori serie, che il loro portafogli sempre pieno, possa garantire l'immortalità) si rivela un analisi corrosiva e azzeccata, che ci fa guardare con occhi diversi quelli che, se sopravvivranno, sono destinati a diventare Vip. E che già con arroganza, vivono come tali. 

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner