partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Taste 17
Colors are served!
Pitti Taste n.14
Speciale focus sul pianeta pane
Taste
l’edizione n.13
Taste
Un viaggio nel gusto
Taste
Ottava edizione
Taste N.6
In viaggio con le diversità del gusto
taste n.5
Un osservatorio unico del gusto
Volterragusto 2009 - 2010
Quinta edizione
deGustiBooks 2009
Produzioni enogastronomiche e libri di qualità
Taste
Quarta edizione

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/02/2024 - 09:10

 

  home>gusto > gusto

Scanner - gusto
 


Il Carnevale
Calendario Gastronomico
Preparazioni stuzzicanti e frivole
Lo special di Scanner e Taccuini Storici

 




                     di Alex Revelli


Il Carnevale: la festa del ventre
Il Carnevale: calendario gastronomico


Quella del Carnevale è una gastronomia dalle preparazioni stuzzicanti e frivole, che eleva suoi massimi alfieri i dolci, preparati quasi sempre, con la pasta fritta, ripiena e no. Ve la proponiamo in questo speciale realizzato in collaborazione con www.taccuinistorici.it.

Forme rotonde o quadrate di sfoglia dolce, che ricordano nelle dimensioni e nei nomi, la magnificenza della pasta da minestra. Si hanno così i tortelli fritti in strutto caldissimo, realizzati con involti di pasta di bianca farina di semola, uova, burro, zucchero a velo, scorzette di limone etc., che fanno da copertura spesso ad un ripieno di marmellata. Questi tortelli dalle molteplici fatture nel Reggiano hanno forma e nome di tortellacci, sono cioè rettangoli di pasta imbottita di castagne; nel Piacentino ci imbattiamo nei tortelloni dolci, nel Bolognese facciamo la conoscenza con i ravioli che designano anche quelli che troviamo in Liguria farciti di canditi e di zucca. Nel Milanese i tortelli non hanno ripieno, solo involucro, contenitore del nulla, come in Toscana, dove con forma allungata li chiamano stracci e vanno sospesi per benino nello strutto perché acquistino quel vago aspetto tra il brunato e il dorato e quel rigonfio che ne è la caratteristica. La Sicilia chiama fravioli il suo fritto di Carnevale, dalla crocchiante scorza di pasta dolce, con l'interno infarcito di ricotta, zucchero e sapore di cannella.

Un altro dei simboli più condivisi nei giorni carnevaleschi sono le tentatrici frittelle, dolci e tenere, fatte di riso o semolino, dal nome che indica appunto tutto ciò che frigge e gonfia,

Le frittelle, sono un involucro impastato con bianca farina, acqua o latte e lievito, impinguato di uva passa, pinoli, cedri o aranci canditi, e fatto poi cadere a cucchiate nel padellone che "sfrigola" di strutto. Vi sono parecchi altri modi di fare le profumate frittelle. Ben lo sanno in Liguria, in Toscana, in Puglia e nel Veneto (dove le vogliono abbondanti di spezie).

Per confermare questa profonda radice storica abbiamo scelto, da un grande autore di prelibatezze del XVI° sec. Bartolomeo Scappi, una nobile ricetta di fritole veneziane. Queste buttate a inturgidirsi nello strutto bollente, non risultano così dissimili dalle attuali, gli ingredienti infatti sono: farina bianca, zucchero, uva sultanina, scorza di limone e il saporino di un liquore.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner