partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il Posto, Il mio posto è qui,
Due film in sala a Firenze
Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/05/2024 - 04:22

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Quando l'amore brucia l'anima
Regia di James Mangold
Cast: Joaquin Phoenix, Reese Witherspoon, Ginnifer Goodwin, Robert Patrick, Dallas Roberts, Dan John Miller; drammatico/biografico; U.S.A.; 2005; C.

 




                     di Paolo Boschi


Kate & Leopold
Identità
Quando l'amore brucia l'anima
Innocenti bugie


L'attacco del biopic dedicato a Johnny Cash è uno dei più intriganti che si possano immaginare: seguendo la macchina da presa osserviamo il più grande cantautore country-rock d'America raccogliere le idee prima di entrare in scena davanti ad un pubblico di carcerati in una delle prigioni più dure degli Stati Uniti, con i piedi dei prigionieri che battono il tempo all'unisono in modo rutilante. Dato che nella vita di tutti c'è un punto topico, il regista James Mangold giustamente ha puntato su quello di Cash, ovvero il mitico concerto del 1968 per i carcerati della prigione di Folsom, in cui il tormentato cantante chiudeva un cerchio aperto all'inizio della sua carriera - il produttore Sam Phillips gli offrì il suo primo contratto dopo averlo sentito cantare Folsom Prison Blues - e incideva dal vivo il suo miglior disco, At Folsom Prison, appunto. Dal 1968 torniamo poi agli anni trenta, in Arkansas, in piena Grande Depressione, in uno sterminata piantagione di cotone, a seguire le scorribande e le passioni radiofoniche di Johnny Cash e fratello, un aspirante predicatore tragicamente scomparso, il primo trauma d'infanzia del futuro cantante, destinato a tormentarlo per tutta la vita, insieme al rapporto irrisolto con l'implacabile padre. Dopo il servizio militare in Germania e un matrimonio precoce (ma fortemente voluto), il giovane Cash, disperato per gli insuccessi professionali, tenta la strada della musica per risollevarsi e si rivolge alla Sun Records, l'etichetta miracolosa di Sam Phillips, presto ritrovando su un carrozzone live insieme a Jerry Lee Lewis, Elvis Presley, Carl Perkins, Roy Orbison e June Carter. Dopo aver pagato il prezzo spietato che lo showbiz ha richiesto a molti artisti - la parabola di Ray Charles in tal senso è praticamente identica a quella di Cash - il nostro protagonista, sempre più ricco, sempre più in cima alle classifiche, oberato di impegni (trecento concerti all'anno) e sempre meno presente in famiglia, inizia a ricorrere alle droghe per reggere il ritmo, e finisce per perdere onore, rispettabilità professionale, famiglia. La serenità e il coraggio d'intraprendere una nuova vita giungeranno soltanto con quando la collega June Carter pronuncerà il fatidico sì on stage. Quando l'amore brucia l'anima - Walk the line racconta la vita di Johnny Cash in modo filologicamente corretto e ricorrendo continuamente alla musica dell'autore americano, con risultati spesso trascinanti: non poteva essere che così dato che nei sette anni di preparazione della pellicola Cash non ha mai fatto mancare il suo apporto fino al 2003, l'anno della sua scomparsa, oltre al fatto che il film si ispira direttamente alle due autobiografie di Cash. Esattamente come accadeva in Ray, anche al centro di Walk the line troviamo una parabola esistenziale che parte da un'infanzia da dimenticare, prosegue con un successo precoce e arduo da gestire, continua con la discesa agli inferi della tossicodipendenza, ed arriva alla maturità del cantante fino al matrimonio lungamente atteso con June Carter. Una bella storia, soprattutto grazie a Joaquin Phoenix e Reese Witherspoon, che hanno interpretato personalmente le canzoni di Cash & Carter sotto la supervisione del grande T-Bone Burnett con risultati a dir poco sorprendenti, che non a caso sono valsi ad entrambi i Golden Globes come migliori attori professionisti. Impossibile non farsi prendere dal ritmo...

Quando l'amore brucia l'anima - Walk the line (Walk the line), regia di James Mangold, con Joaquin Phoenix, Reese Witherspoon, Ginnifer Goodwin, Robert Patrick, Dallas Roberts, Dan John Miller; drammatico/biografico; U.S.A.; 2005; C.; dur. 2h e 16'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner