partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il Posto, Il mio posto è qui,
Due film in sala a Firenze
Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/05/2024 - 03:43

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Identità
Regia di James Mangold
Cast: John Cusack, Ray Liotta, Amanda Peet, Alfred Molina, Clea DuVall, Rebecca De Mornay; thriller; Usa; 2003; C.

 




                     di Paolo Boschi


Kate & Leopold
Identità
Quando l'amore brucia l'anima
Innocenti bugie


Nell’infuriare della tempesta, sotto una pioggia battente, i dieci protagonisti di Identità si ritrovano inchiodati in un squallido motel sperduto nel Nevada, senza possibilità di comunicare col mondo esterno e con un assassino implacabile che intende ucciderli uno dopo l’altro. Lo schema narrativo, ça va sans dire, è ampiamente collaudato e messo a punto addirittura da Agatha Christie nel letale meccanismo di Dieci piccoli indiani, ma con lo scorrere della storia si rivelerà quanto meno fuorviante, dato che il mistero centrale di Identità è per così dire di secondo grado, un giallo puramente metanarrativo che nasconde al suo interno quello ‘reale’ e di cui James Mangold ci svelerà la soluzione soltanto in dirittura d’arrivo, quando ormai i giochi veri e propri sembrano fatti. Alcuni dei personaggi stessi (evitiamo di offire dettagli in merito) riveleranno non pochi lati oscuri nel procedere della trama: un’attrice sul viale del tramonto, una tipica famiglia felice americana (lui, lei ed il figlioletto di lei da precedente matrimonio), l’autista dell’attrice (ex poliziotto che ne ha viste troppe), una coppia di sposini in fuga d’amore, una prostituta che sta per ricominciare una nuova vita, un ruvido agente di sorveglianza, il suo detenuto psicopatico ed il sedicente direttore del motel. Quando il primo sangue comincia a scorrere con premeditazione i sopravvissuti cominciano ad indagare per le camere del motel da uno scenario del delitto all’altro, in un crescendo di efferatezze e con la tempesta che continua ad infuriare nel buio: nonostante non sembrino avere niente in comune tranne la trappola per topi in cui sono concluiti in modo apparentemente casuale, i protagonisti si scopriranno legati da un inquietante dettaglio anagrafico, un’identità, appunto, che si rivelerà fondamentale per lo scioglimento del mistero. Schizofrenico thriller orrorifico d’indubbia efficacia, Identità procede rimescolando le carte del mazzo ad ogni nuova sequenza, imbrigliando lo spettatore nella claustrofobica ambientazione e confondendolo con colpi a sorpresa a ripetizione fino all’ultimo fotogramma. Cerebrale exercice du style o mortale meccanismo ad orologeria? Il dubbio resta nell’aria, ma propendiamo per la seconda ipotesi...

Identità - Identity, regia di James Mangold, con John Cusack, Ray Liotta, Amanda Peet, Alfred Molina, Clea DuVall, Rebecca De Mornay; thriller; Usa; 2003; C.; dur. 1h e 30'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner