partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  07/04/2020 - 15:27

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


L'ultimo samurai
Regia di Edward Zwick
Cast: Tom Cruise, Ken Watanabe, Timothy Spall, Billy Connolly, Darin Fujimori, Seizo Fukumoto, William Atherton; avventura; Usa; 2003; C.

 




                     di Paolo Boschi


L'ultimo samurai
Amore & altri rimedi


L’ultima fatica di Edward Zwick, autore di Glory e Attacco al potere, è un’efficace contaminazione tra il western ed il mito dei samurai già immortalato sul grande schermo dal grande Akira Kurosawa, per certi versi un nuovo genere che è già stato etichettato come eastern, in quanto appartenente all’ondata di film sul Sol Levante, o sushi western, in omaggio all’epico sottogenere spaghetti western inventato da Sergio Leone negli anni Sessanta. In effetti ne L’ultimo samurai tutte le categorie sopra citate convivono felicemente in una miscela narrativa dal respiro leggendario, che accorpa senza soluzione di continuità il mito della frontiera, lo scontro tra tradizione e progresso del XIX secolo, il contrasto tra Oriente e Occidente, la stratificata etica dei samurai ed il viaggio iniziatico di un neofita nei meandri della medesima, l’onore e l’avventura, azione pura (per una volta senza effetti speciali), e l’immancabile pizzico di poesia e romanticismo in sottofondo. Ma entriamo senz’altro nel merito della trama de L’ultimo samurai: nel 1876 l’ufficiale nordamericano Nathan Algren, reduce dai sanguinari conflitti con gli indiani agli ordini del mitico Generale Custer, accetta di trasferirsi in Giappone per addestrare l’esercito dell’imperatore nipponico sull’uso delle armi da fuoco. Nel paese del Sol Levante è già in atto un processo di trasformazione per avviare il paese all’industrializzazione: il progetto modernizzante dell’imperatore è entrato però in rotta di collisione con un gruppo di samurai tradizionalisti, un tempo adibiti alla difesa dei confini nazionali. Durante il primo scontro tra le truppe imperiali e gli ultimi samurai, Algren resta ferito e viene catturato dai suoi avversari, con cui sarà costretto a trascorrere un inverno nell’attesa che le nevi si sciolgano. La pausa forzata delle ostilità permette al protagonista d’imparare a conoscere Kasumoto, il leader nemico, e di scoprire la complessa cultura dei samurai, coraggiosi guerrieri pronti a morire per difendere il loro codice d’onore ma allo stesso tempo filosofi ed artisti di grande sensibilità. Affascinato dal carisma di Kasumoto ed intrigato dalla di lui sorella Kata, in vista del riaccendersi del conflitto, Algren imparerà a scendere a patti con i propri demoni interiori e sarà infine costretto a decidere da che parte schierarsi. L’esito dell’impari conflitto tra i ‘buoni’ tradizionalisti ed i ‘cattivi’ progressisti è annunciato al pari dell’ipotetico happy ending, ma il film nel complesso non delude rivelandosi antimilitarista da cima a fondo, pur incentrato in gran parte sulla teoria e tecnica della guerra. Il tutto amalgato a dovere in una spettacolare macchina d’intrattenimento da 140 milioni di dollari di budget, girata tra Giappone, Nuova Zelanda e Usa ed illuminata da una convincente prova di Tom Cruise, che per interpretare L’ultimo samurai si è allenato per un anno nelle arti marziali ed ha dovuto metter su dieci chili di muscoli per padroneggiare adeguatamente la katana: ma sembra esserne valsa la pena se già sono partite voci insistenti su una sua prossima nomination all’Oscar. Ad onor del vero l’interpretazione dell’ex marito di Nicole Kidman resta nettamente una spanna sotto quella di Ken Watanabe, intenso e magnetico nei panni del ribelle Kasumoto.

L'ultimo samurai - The Last Samurai, regia di Edward Zwick, con Tom Cruise, Ken Watanabe, Timothy Spall, Billy Connolly, Darin Fujimori, Seizo Fukumoto, William Atherton; avventura; Usa; 2003; C.; dur. 2h e 24'

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner