partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il Posto, Il mio posto è qui,
Due film in sala a Firenze
Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/07/2024 - 02:06

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


La terra
Regia di Sergio Rubini
Cast: Fabrizio Bentivoglio, Paolo Briguglia, Massimo Venturiello, Emilio Solfrizzi, Claudia Gerini, Giovanna Di Rauso, Sergio Rubini; drammatico; Italia; 2005; C.

 




                     di Paolo Boschi


Tutto l'amore che c'è
La terra


Un’ordinaria storiaccia familiare nel Sud di oggi vista dalla prospettiva di un esule di ritorno: è il soggetto de La terra, l’ultima fatica di Sergio Rubini dietro la macchina da presa, il cui Leitmotiv indiscusso in accordo al titolo è costituito appunto dalla ‘roba’ di quattro fratelli, ovvero l’avita masseria di famiglia con annesso oliveto al centro di una travagliata compravendita. Nel paesino pugliese di Mesagne rientriamo insieme a Luigi, anni prima inviato in un collegio al Nord dopo un violento alterco col padre-padrone ed oggi affermato professore di filosofia. Luigi è tornato per vendere l’eredità di famiglia annessa insieme ai tre, diversissimi fratelli: c’è Michele, mediocre industrialotto sull’orlo del fallimento che sta cercando d’affermarsi in politica, c’è il giovane Mario, studente votato anima e corpo al volontariato, e c’è il fratellastro Aldo, turbolento e donnaiolo, colui che non ha la minima intenzione di vendere la masseria in cui vive e la terra che lavora, da cui invece Michele ha un bisogno vitale di realizzare liquidi per far fronte al colossale debito contratto con Tonino, il repellente usuraio locale nonché boss emergente del paese. Complichiamo le cose aggiungendo che i fratelli non vanno propriamente d’accordo ed hanno caratteri assai diversi, e che Aldo, infaticabile seduttore, si è innamorato proprio dell’amante rumena dell’usuraio, precedentemente indotta – per ottenere la cittadinanza – a sposare un handicappato, guarda caso uno dei migliori amici di Mario, che non sa darsi pace della sua morte misteriosa: aggiungiamo tutti questi elementi, magari anche una bella coetanea di Mario a suo tempo irrimediabilmente innamorata di Luigi – piuttosto spaesato nel riappropriarsi di colori, usi, odori, luoghi, affetti e ricordi che era stato lieto di lasciarsi alle spalle –, e avremo ben chiaro l’intrigante scenario de La terra, un film capace di miscelare dramma e commedia, sconfinando talora nel grottesco o in insostenibili inserti noir, sviluppandosi infine in un thriller vero e proprio senza mai perdere un briciolo di coesione narrativa. Con l’abbagliante ambientazione paesaggistica, che ricorda più volte Io non ho paura di Salvatores, è d’obbligo segnalare il superlativo cast di attori, in cui brilla un Bentivoglio intenso e stralunato da un sentimento d’appartenenza familiare che lui stesso si stupisce di veder riaffiorare. Da non perdere.

La terra, regia di Sergio Rubini, con Fabrizio Bentivoglio, Paolo Briguglia, Massimo Venturiello, Emilio Solfrizzi, Claudia Gerini, Giovanna Di Rauso, Sergio Rubini; drammatico; Italia; 2005; C.; dur. 1h e 52’

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner