partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/02/2020 - 19:18

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Hancock
Regia di Peter Berg
Cast: Will Smith, Charlize Theron, Jason Bateman; fantastico; U.S.A.; 2008; C.

 




                     di Paolo Boschi


Cose molto cattive
Hancock


Ci sono gli eroi ed i supereroi, poi c’è Hancock, che è un vero e proprio un caso a parte. Se conoscete Spiderman, sapete senza dubbio che da grandi poteri derivano grandi responsabilità, dettaglio che Hancock, sedicente supereroe di Los Angeles, pare proprio ignorare. In effetti Hancock si presenta in modo davvero poco rassicurante per essere un eroe, anzi, per certi versi sembra più un barbone: dorme sulle panchine, si sbronza di continuo, è sboccato e vendicativo, si dice perfino che emani un odore non troppo piacevole. Ma John Hancock, che si chiama come il primo firmatario della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti, ha dentro di sé anche l’impulso a fare del bene, dirimere torti, arrestare i cattivi: purtroppo ha uno stile tutto suo per volare, involontariamente causa guai a ripetizione, riesce a salvare vite ed impedire disastri, ma spesso con danni collaterali che la collettività non riesce a digerire, e per di più non fa nessuno sforzo per risultare simpatico. D’altra parte ad Hancock la disapprovazione pubblica non interessa affatto, almeno finché non salva la vita a Ray Embrey, un vero mago delle pubbliche relazioni: il miracolato dalla sorte, infatti, per restituire il favore al supereroe si propone di fare del suo meglio per cambiarne l’immagine pubblica, ben deciso a far sì che tutti i cittadini di L.A. si accorgano del valore del loro eroe locale. Il supereroe incompreso, conosciuta la graziosa consorte di Ray ed il di lui figlioletto, s’impegnerà a fondo per cambiare stile. Una curiosa sorpresa a metà film costringerà però il buon Hancock, ormai già sterzato sulla via dell’eroe prudente e coscienzioso, a rivedere la propria strategia. Un film che assortisce commedia ed azione puntando sui personaggi e senza troppo concedere agli effetti speciali, non invasivi, con una bella riflessione sulla percezione del supereroe dal punto di vista della sua diversità. Molto meglio la prima parte, gustosamente parodistica, un po’ altalenante la seconda, in cui si succedono troppi colpi di scena e l’atmosfera si surriscalda in direzione patetica. Niente di eccezionale, insomma, semplicemente un sincero prodotto d’intrattenimento (che peraltro ha dalla sua anche una giusta durata). Intriga e diverte il solito Will Smith, anche se il ruolo forse più interessante è appannaggio del bravo Jason Bateman. Dirige di mestiere il regista di Cose molto cattive e The Kingdom. Da provare.

Hancock, regia di Peter Berg, con Will Smith, Charlize Theron, Jason Bateman, Daeg Faerch, Lauren Hill, Valerie Azlynn, David Mattey, Darrell Foster, Kate Clarke; fantastico; U.S.A.; 2008; C.; dur. 1h e 32’

Voto 6/7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner