partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 13:57

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Lost in Translation - L'amore tradotto
Regia di Sofia Coppola
Cast: Bill Murray, Scarlett Johansson, Giovanni Ribisi, Anna Faris; commedia
Usa; 2003; C

 




                     di Paolo Boschi


Il giardino delle vergini suicide
Lost in Translation - L'amore tradotto
Marie-Antoniette
Somewhere


Il titolo originale dell’opera seconda della figlia d’arte Sofia Coppola, equivalente più o meno a “perso nella traduzione”, rende perfettamente l’idea dello stato d’animo dei due protagonisti di questa strana commedia, sbalestrati dallo iato linguistico (spesso allungato con risultati esilaranti) che si crea quando nella traduzione tra due lingue va perso qualcosa del concetto originale. Bob e Charlotte sono due anime straniere oppresse dalla solitudine che si incontrano per caso nel multicolore calderone metropolitano di Tokyo, riuscendo per una strana magia a stabilire un indecifrabile relazione che sta a mezzo tra l’amicizia, il rapporto filiale e l’amore, indecifrabile perchè per certi versi anche tale relazione perde qualcosa nella traduzione emotiva di due persone che hanno difficoltà ad esprimere i propri sentimenti e per di più separate da un vero abisso generazionale. Bob è un ultracinquantenne stella hollywoodiana sul viale del tramonto, in trasferta giapponese per girare uno spot come testimonial di una marca di whisky locale disposta a pagargli un irrinunciabile cachet di due milioni di dollari. Charlotte è invece la moglie ventenne di un giovane fotografo di moda sulla cresta dell’onda, che la lascia sola per intere giornate nel lussuoso hotel che ospita anche Bob. Mentre il maturo attore è in fase calante, ‘costretto’ a svendersi nella pubblicità per cifre esorbitanti, Charlotte ha incamerato da appena un anno una laurea in filosofia e non ha ben deciso che fare da grande. Comune è invece lo spaesamento sentimentale dei due protagonisti di Lost in Translation: Charlotte continua a chiedersi chi è il giovane che ha sposato e che non riconosce più, e Bob è costantemente in fuga da una carriera ingombrante ma anche da una moglie che gli preferisce di gran lunga i figli, gli spedisce fax notturni incurante del gap dei fusi orari per ricordargli scadenze familiari in serie e addirittura gli invia per corriere pacchi con campioni di moquette per lo studio precisando anche il colore più indicato da scegliere. Mentre i giorni passano Bob e Charlotte continuano ad essere oppressi da un'insopportabile insonnia e cercano di scoprire insieme le attrattive di una cultura decisamente agli antipodi rispetto alla loro. Tra sessioni alcoliche nei bar, un po’ di immancabile karaoke, qualche bizzarro incontro con gli indigeni, un tempio buddista ed un locale a luci rosse tra i due sboccia qualcosa di troppo tenero ed improbabile per mettere radici e propinarci uno scontato happy ending che con ottima scelta Sofia Coppola decide di evitare: nonostante la comunicazione perduta durante la traduzione dei propri sentimenti, Bob e Charlotte tornano alle rispettive vite avendo appreso qualcosa di significativo sul Giappone ma anche su se stessi. Applaudito a Venezia in concorso nella sezione “Controcorrente” (dove ha fruttato il premio per la miglior attrice a Scarlett Johansson), Lost in Translation ci riconsegna un Bill Murray in forma smagliante e conferma quanto di buono Sofia Coppola aveva lasciato intravedere nel difficile esordio de Il giardino delle vergini suicide. Gli incontentabili troveranno troppo blando il ritmo narrativo, definendo sbrigativamente Lost in Translation come troppo lento, quando in realtà raccontare questa storia in modo avvolgente e rilassato costituisce la cifra di un film davvero intrigante, in grado di regalare perfino qualche citazione da cinefili, come la breve sequenza de La dolce vita proiettata in tarda notte da una TV nipponica. Da non perdere.

Lost in Translation - L'amore tradotto (Lost in Translation), regia di Sofia Coppola, con Bill Murray, Scarlett Johansson, Giovanni Ribisi, Anna Faris; commedia; Usa; 2003; C.; dur. 1h e 42'

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner