partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il bell'Antonio
Di Mauro Bolognini
Quadrophenia
Degli Who
Vertigo - la donna che visse due volte
Di Alfred Hitchcock
A piedi nudi nel parco
Regia di Gene Saks
Il diavolo veste Prada
Regia di David Frankel
Colazione da Tiffany
Regia di Blake Edwards
Mezzogiorno di fuoco
Regia di Fred Zinnemann
Alien Director's Cut
Regia di Ridley Scott
The Commitments
Regia di Alan Parker
Le onde del destino
Regia di Lars von Trier

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/01/2019 - 04:55

 

  home>cinema > cult

Scanner - cinema
 


Quattro matrimoni e un funerale
Regia di Mike Newell
Cast: Hugh Grant, Andie McDowell, Kristin Scott-Thomas, John Hannah, Simon Callow, Rowan Atkinson, James Fleet; commedia; Gran Bretagna; 1994; C.

 




                     di Paolo Boschi


Quattro matrimoni e un funerale
Mona Lisa smile


Talvolta le idee semplici, se confezionate in modo impeccabile ed arricchite da qualche sorpresa, possono diventare una commedia perfetta: è il caso di Quattro matrimoni e un funerale, che finì per diventare imprevedibilmente un grande successo internazionale. Protagonista della storia, ambientata a Londra, è il trentenne Charles, scapolo impenitente ed assiduo frequentatore dei matrimoni degli amici, cui arriva puntualmente in ritardo e durante i quali colleziona gaffes in serie con allarmante regolarità. Nonostante sia conteso dall’amica Fiona, snob ma carina, e dall’insistente Henrietta, il bel Charles è fulminato da Carrie, un’avvenente americana che ha già collezionato trentatre partners nel corso della sua vita sentimentale e che, invece del titubante protagonista, finisce per sposarsi con un ricco e maturo scozzese. Il titolo ben descrive la struttura narrativa del film, un oliato meccanismo ad orologeria che procede in direzione di un happy ending scontato ma non troppo: quattro trionfi nuziali ricchi di humour interrotti da un hapax funebre denso di emozioni e lirismo. Quattro matrimoni e un funerale funziona, diverte e talvolta emoziona per la bravura complessiva del cast, il ritmo serrato, personaggi simpatici, ottimi dialoghi, situazioni impagabili – vedi l’esilarante matrimonio celebrato da Rowan Atkinson (ovvero Mr. Bean) in versione prete alle prime armi –, una colonna sonora ricca di verve. Il film di Mike Newell fece di Hugh Grant, già protagonista di Maurice e Luna di fiele, una star di prima grandezza e rese un bestseller nazionale una raccolta di poesie amorose di Wystan Hugh Auden, una delle quali è declamata da John Hannah nel corso del funerale. Delizioso, intrigante, imperdibile.

Quattro matrimoni e un funerale - Four weddings and a funeral, regia di Mike Newell, con Hugh Grant, Andie McDowell, Kristin Scott-Thomas, John Hannah, Simon Callow, Rowan Atkinson, James Fleet; commedia; Gran Bretagna; 1994; C.; dur. 1h e 57'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner