partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Piero Gilardi
La tempesta perfetta
Comportamento
A cura di Renato Barilli
La pasin segn Carol Rama
200 opere della pittrice torinese
Eugeni Bonet
Locchio in ascolto
Reality invocabile
A cura di Montse Badia
Allora & Calzadilla
Fault Lines
Odette Lafrance
La pop art avanzata scopre le icone fashion
Eulalia Grau
Non ho mai dipinto angeli d'oro
Gruppo Cracking
Mostra e Performance
Luca Alinari e Rosa Canfora
Le mostre Fisico e Onirico Creazioni

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/11/2018 - 06:16

 

  home>arte > contemporanea

Scanner - arte
 


Vis Vis
Michelangelo Pistoletto incontra Roman Opalka
All'Istituto Polacco e allo Studio d'Arte Contemporanea Pino Casagrande
Roma novembre 2002

 




                     di Chiara Caporilli


Vis Vis proprio il titolo dell'incontro che ha visto protagonisti Michelangelo Pistoletto e Roman Opalka all'Istituto Polacco e allo Studio d'Arte Contemporanea Pino Casagrande di Roma .
Vengono presentati due artisti protagonisti delle neoavanguardie degli anni Sessanta, uno italiano, l'altro polacco. Attraverso le loro opere, dialogano da una parete all'altra delle sale espositive e da un luogo della citt all'altro.
L'inaugurazione stata preceduta da un denso dibattito, in cui i due artisti sono stati invitati a parlare del loro lavoro e di come intendono il mondo dell'arte.
Scanner ve ne propone, in anticipo sulla pubblicazione, alcuni passi.

Il Tempo

Opalka nella serie dei "Details" ci spiega la progressione del tempo orizzontale: il dettaglio la tela ma la tela a sua volta un dettaglio dell'opera che avr fine solo con la morte dell'artista.
Un unico grande incompiuto progredisce ma lancia una sfida diabolica al sistema dell'arte. L'atto di vendita dell'opera non finita si sposta di continuo in avanti nel tempo: l'immateriale diventa materiale attraverso le leggi del mercato.
Pistoletto fissa nei suoi Specchi un tempo universale; la foto riportata sullo specchio sempre indice di memoria, quindi di passato, ma anche di morte: infatti l'immagine appena creata scompare nell'istante in cui lo spettatore si allontana, passa e quindi esce dal quadro. Ma implicito anche il futuro, poich un altro, domani, sar nel quadro, e in seguito qualcuno che non ancora nato.

L'Infinito


Per Pistoletto lo specchio diventa un metodo di vita: gi dai primi autoritratti s'instaura un rapporto di uno all'infinito.
Opalka dichiara che in matematica l'infinito un margine irreversibile, quindi presuppone che il tempo non sia restaurabile.

L'Arte Concettuale


Oggi l'artista da artigiano dipendente diventato pensatore autonomo.
Pistoletto fa una precisazione illuminante e Opalka annuisce: per l'arte, fermento del pensiero, non occorre preparazione, ma demolizione.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner