partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Piero Gilardi
La tempesta perfetta
Comportamento
A cura di Renato Barilli
La pasión según Carol Rama
200 opere della pittrice torinese
Eugeni Bonet
L’occhio in ascolto
Reality invocabile
A cura di Montse Badia
Allora & Calzadilla
Fault Lines
Odette Lafrance
La pop art avanzata scopre le icone fashion
Eulalia Grau
Non ho mai dipinto angeli d'oro
Gruppo Cracking
Mostra e Performance
Luca Alinari e Rosa Canfora
Le mostre Fisico e Onirico – Creazioni

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/09/2018 - 21:42

 

  home>arte > contemporanea

Scanner - arte
 


What remains
Quello che rimane
La mostra collettiva a cura di Marco Tagliafierro
A Lambretto (Via Arrighi 19, Lambrate, Milano) opening giovedì 20 Settembre 2007

 




                     di Giovanni Ballerini


Si chiama “What remains. Quello che rimane” ed è la mostra collettiva a cura di Marco Tagliaferro, che inaugura giovedì 20 settembre 2007. Si tratta del secondo appuntamento con l’arte contemporanea a Lambretto, Lambrate, Milano. Lambretto è l’ultimo baluardo della fabbrica dove si produceva un mito del design italiano: la Lambretta, è l’ultimo capannone di un architettura abbandonata ma in fase di riconversione; da un anno infatti Lambretto ospita mostre che indagano le relazioni fra arte contemporanea e architettura.

Il group show What remains. Quello che rimane è eco ambientale, architettonico e sensibile del passato illustre dei capannoni di Lambrate, è un raffinato gioco di scatole cinesi, di rinvii segnici volto a dimostrare che la decadenza fisica, materiale, formale, al pari di quella culturale, può essere l'occasione di riprendere in considerazione concetti ed elementi trascurati in precedenza.

Perno della mostra l’installazione ambientale Stützpunkt, una sorta di bunker, un’architettura nell’architettura dell’artista americana Lisi Raskin. Le pareti sbilenche, sghembe, di Stützpunkt originano una architettura anomala che riprende la forma dell’ex capannone industriale, anch’esso una struttura architettonica bizzarra, dalla pianta trapezoidale, che devia e si inclina per seguire il fiume Lambro.

All’interno ed all’esterno di questa struttura d’emergenza saranno incastonate le opere di: Antonio Barletta, Karla Black, Jean Paul Carradori, Alessandro Ceresoli, Tobias Collier, Peggy Franck, Nicola Gobbetto, Paolo Gonzato, Dacia Manto, Jonathan Monk, Ian Kiaer, Ots, Jordan Wolfson, per la maggior parte site specific.

Ad avvolgere gli interventi l’installazione luminosa e sonora di Simone Tosca che simula la vita dell’edificio stesso nel quale, ormai avvolto nel silenzio, si sentono il fruscio dell'acqua e il vibrare delle tubature scosse dagli agenti atmosferici.

Lambretto attualmente è al suo ground zero, la regressione strutturale ha compiuto una analfabetizzazione architettonica, ha compiuto un percorso entropico. Siamo ad un primitivismo di ritorno: vetri rotti, infissi caduti, pareti scrostate. Le infiltrazioni d’acqua hanno aperto la strada ai muschi, alle muffe e agli odori intensi d’umidità trasformando lo spazio in una caverna contemporanea. Gli artisti coinvolti, attraverso la regia diretta dal curatore Marco Tagliafierro, evidenziano questo paradossale mutamento segnino che si pone come la reazione di ciò che rimane.

Informazioni:

What remains. Quello che rimane

collettiva a cura di: Marco Tagliafierro

: Lambretto, Lambrate, via Arrighi 19, Milano

inaugurazione: giovedì 20 settembre 2007 ore 19 – 23.00

durata: dal 21 al 23 settembre 2007 - orari dalle ore 12 alle ore 20.

Informazioni: 02 2641890

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner