partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Cai Guo-Qiang
Flora Commedia
Piero Gilardi
La tempesta perfetta
Comportamento
A cura di Renato Barilli
La pasión según Carol Rama
200 opere della pittrice torinese
Eugeni Bonet
L’occhio in ascolto
Reality invocabile
A cura di Montse Badia
Allora & Calzadilla
Fault Lines
Odette Lafrance
La pop art avanzata scopre le icone fashion
Eulalia Grau
Non ho mai dipinto angeli d'oro
Gruppo Cracking
Mostra e Performance

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/12/2018 - 10:45

 

  home>arte > contemporanea

Scanner - arte
 


MLAC
Focus - Stati e gradi di percezione
In mostra Jan Bauer, Werner Gasser, Gabriele Giugni, Tiziano Lucci, Benedetta Panisson, Quayola, Yosuke Taki
Al Museo Laboratorio Arte Contemporanea Roma dal 22 gennaio al 27 febbraio 2009 (Lun - Ven ore 14:00 - 19:00). Direttore: Simonetta Lux, curatore: Domenico Scudero

 




                     di Naima Morelli


Ancora una volta il Museo Laboratorio Di Arte Contemporanea di Roma, all’interno della struttura dell’Università Sapienza, si anima di fermento culturale.
Per riunire assieme un manipolo di interessanti artisti contemporanei, i curatori hanno pensato di intitolare l’esposizione Focus, stati e gradi di percezione, architettando una complicata spiegazione densa di citazioni (vengono tirati in ballo le teorie della percezione di Aldous Huxley e Semir Zeki), per giustificare un accostamento di personalità diversissime tra di loro senza alcun punto di contatto, se non il loro agire artistico nella modernità.

“L’intento di Focus è quello di suggerire una gamma non prescritta di funzioni ottiche multimediali, ponendo lo spettatore a stretto contatto con la sua idea di assorbimento e ricezione e tentando di avviare considerazioni riguardanti l’equivocità del guardare” recita il comunicato stampa.

Ma il problema della percezione non è stato sempre imprescindibile dall’arte di tutti i tempi?

“La mostra Focus si interroga, attraverso gli artisti coinvolti, sull’univocità o meno del guardare un mondo fatto di immagini”. Sembra un po’ vaga come definizione, ma su questi presupposti si basa anche il premio “A Berlino!” correlato alla mostra che promette, in caso di vincita, un biglietto andata e ritorno per la capitale tedesca.

Ecco allora dimostrato chiaramente il vero perché, non si sa per quale motivo mascherato da concettuose quanto pretestuose motivazioni, di questa mostra; non si tratta di nient’altro che di un’asse Roma-Berlino, stavolta con scopi puramente artistici, ovvero fornire un confronto Italia-Germania

Importante tassello del ciclo espositivo del MLAC a cura di Simonetta Lux, Domenico Scudero, è patrocinato dalla Regione Lazio e dall’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania Roma, in collaborazione con la Galleria artMbassy di Berlino, tra gli altri enti coinvolti.

Ma veniamo al dunque; quali sono questi artisti che si sono sobbarcati con le loro opere l’onere di una tale alleanza?

Uno di questi è Bauer, che riproducendo fedelmente, mediante la pittura, articoli di giornali, enfatizza dettagli di cronaca altrimenti trascurati, giocando anche sul rapporto parola scritta-immagine. Non è il primo a compiere una tale operazione; nel contemporaneo abbiamo anche l’inglese Hugh Mendes.

Accomunati dalla scelta del mezzo fotografico sono Giugni e Gasser, l’uno prediligendo soggetti fuoricampo, l’altro presentando campi di luce in un gioco interno-esterno, ma è il video che la fa da padrone; con intenti esplicativi, come nel caso di Tiziano Lucci, la quale tecnica espressiva viene così spiegata, oppure con una valenza artistica fine a sé stessa, come nel caso del video ad inquadratura fissa che presenta l’alternarsi in maniera rallentata di bagnanti di passaggio a Milano Marittima. Un’opera però sulla quale vale la pena di soffermarsi, quella che forse vale il biglietto per l’intera mostra, è un magnetico video di Benedetta Panisson.

Nella sua semplicità (si vedono due sagome in rosso che si inchinano reciprocamente e poi svaniscono per rimaterializzarsi) evoca in maniera misteriosa tutta una serie di contenuti di altissimo livello, il rispetto, la divinità, il burqua, l’eterno ritorno, ma soprattutto colpisce a livello emotivo.

Sicuramente molto ispirato ma non necessariamente efficace, è il lavoro di Yosuke Taki, intitolato “Dreams of dead insects”. Sullo spunto iniziale dell’artista, una trasposizione su video dell’”Estate Zero” cantata da Eliot nei suoi “Quattro Quartetti”, si innestano i racconti della vocalist Laura Biagi con cui Taki lavora, la quale le racconta dei funerali che da bambina celebrava agli insetti.

L’idea di per sé molto poetica si risolve in un video sui toni del viola probabilmente troppo prolisso, e una serie di pannelli con dei fotogrammi presi dal lavoro. L’autrice specifica però che si tratta di un work in progress.

In definitiva, che vi beviate o meno la storia della “stagione dell’homo videns guidato dall’immagine” questa mostra si inserisce come uno spaccato d’arte contemporanea europea sul quale sarebbe un peccato glissare.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner