partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Le Luci della Centrale Elettrica
Si spengono in tour
Fiumani – Spalck
Il primato dell’immaginazione
Antonio Aiazzi
Lnea gialla
Max Gazzè
Alchemaya
M.E. Giovanardi e il Sinfonico Honolulu
Maledetto colui che è solo
Viola
Sheepwolf
Lory Muratti
Scintilla
Simone Cristicchi
Album di famiglia
Francesco Guccini
L'ultima Thule
Franco Battiato
Apriti Sesamo

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/09/2019 - 15:05

 

  home>musica > italiana

Scanner - musica
 


Valeria Rossi
Tre parole
[Ariola/BMG 2001]
Un singolo contagioso ha lanciato la giovane rivelazione dopo lunga gavetta

 




                     di Paolo Boschi


"C'è solo una cura / Io so che lo sai
E' una stanza vuota / Io mi fiderei
Bravo puoi capire / Cose che non vuoi
Sei il tuo guaritore / Sei nel tuo mondo
Dammi tre parole / Sole cuore amore
Dammi un bacio che non fa parlare"

Si chiama Valeria Rossi, è carina, è nata a Tripoli (ma vive a Roma), ha ventisette anni ed ha debuttato di recente con un singolo da lei composto ed intitolato Tre parole, che ha riscosso un sorprendente successo aprendole le porte del primo album, che sarà registrato a settembre e per il quale una decina di canzoni attendono d'essere incise. Ballabile, vagamente scanzonato e fondato su un ritornello contagioso, Tre parole è il classico esempio di singolo estivo, dichiaratamente da intrattenimento con il refrain di marca naïf come "cuore-sole-amore" che si alterna a strofe all'insegna della spontaneità, dell'ironia e della semplicità. Risultato: un tormentone estivo in piena regola, uno dei singoli più canticchiati ovunque in virtù del contagioso ritornello, uno dei brani in assoluto più programmati su FM, come pure su Mtv, grazie al relativo video, perfettamente in sintesi con lo spirito della canzone, colorato, psichedelico e giocoso. In attesa del secondo singolo (e del primo album) sul mini-Cd di debutto si può ascoltare anche un discreto brano acustico, Ossigeno. Quella di Valeria Rossi è stata una sorpresa comunque meritata, dato che la giovane artista prima di gustare il sapore spesso effimero del successo è passata attraverso una lunga gavetta - ha cominciato a comporre canzoni alla verde età di sedici anni - ed una serie infinita di lavori: terminato il liceo ha cominciato a studiare giurisprudenza, poi ha lasciato perdere per tentare la via musicale, ma prima di sfondare ha fatto la cameriera, la hostess, la centralinista. Per la freschezza della sua voce e del suo look Valeria Rossi potrebbe sembrare una versione più mediterranea di Natalie Imbruglia (australiana, ma di origini italiane), che pure esplose all'improvviso nell'estate di tre anni fa grazie ad un singolo fortunato e contagioso, Torn. C'è da augurarle di essere meno 'meteoritica' della collega...

Valeria Rossi, Tre parole [Ariola/BMG 2001]

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner