partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


CCCP
Felicitazioni!
Jesus Christ Superstar
Oltre gli stereotipi
La rivincita del Liscio
La grande festa del ballo e della musica folk
Led Zeppelin
Physical Graffiti
David Bowie
Addio Ziggy
Litfiba
Trilogia 1983-1989
Franz Ferdinand
Tonight: Franz Ferdinand
Sting
Symphonicities
Carla Bruni
Comme si de rien n’était
Firenze cambia musica
il grande evento musicale

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 06:33

 

  home>musica > cult

Scanner - musica
 


Giancarlo Cardini
Anni '60, le canzoni che ho amato
Solo piano, con musiche di Gino Paoli, Umberto Bindi, Domenico Modugno, Joao Gilberto, Luigi Tenco, Giovanni D'Anzi
Prima nazionale al festival Fabbrica Europa, che venerdì 30 maggio 2003

 




                     di Giovanni Ballerini


Nostalgia e poesia in musica al festival Fabbrica Europa, che venerdì 30 maggio 2003 propone sul palco della Stazione Leopolda uno dei più sensibili musicisti contemporanei: Giancarlo Cardini, con la sua personale reinterpretazione della canzone italiana anni '60. Un periodo culturale ideale che il pianista e compositore toscano rivive con una "leggerezza" magica, elevata a cifra stilistica. Una scelta estetica che riassume e interiorizza lo spirito dell'epoca. Dopo aver interpretato magistralmente Eirk Satie e John Cage, dopo aver vissuto l'avanguardia e il movimento Fluxus, dopo aver conosciuto compositori poco noti dell'Ottocento come Giulio Ricordi e Giovanni Rinaldi, e dopo aver scritto pagine di musica cameristica, sinfonica e di scena, Giancarlo Cardini continua il suo viaggio attraverso la canzone italiana, con un concerto per pianoforte con musiche di Gino Paoli, Umberto Bindi, Domenico Modugno, Joao Gilberto, Luigi Tenco, Giovanni D'Anzi, appositamente arrangiate.

Iniziato con il disco " Omaggio a Umberto Bindi", del 1996, è continuato negli anni successivi, avvicinandosi ad altri autori con curiosità e rispetto. Un personale percorso di memoria e di originale rilettura, che però lascia intatta la forza melodica e la ricchezza armonica di brani solo apparentemente "leggeri". Giancarlo Cardini è autore di musiche cameristiche sinfoniche e di scena (queste ultime scritte per la Compagnia Teatrale I Magazzini). Ha inoltre introdotto elementi di micro-teatro acustico sia nella produzione cameristica che in quella di taglio sperimentale (eventi performativi, installazioni, ecc.). Sempre nel versante della sperimentazione è da ricordare il libro "Bolle di sapone", una raccolta di mini poesie e partiture verbali incentrate sulla percezione del quotidiano. Si è anche interessato negli anni di musica leggera; in questo campo sono da citare alcuni suoi lavori per pianoforte: una serie di ballabili e numerosi arrangiamenti su canzoni italiane, e non, del Novecento (di autori quali D'Anzi, Modugno, Bindi, Paoli, Tenco, Gershwin, Alter, Rodgers, Jobim). La sua attività concertistica si è svolta in tutta Europa, America del Nord e Asia (Giappone, India, Nepal). Si è occupato di compositori poco noti dell'Ottocento Italiano come Giulio Ricordi, di cui ha curato la ristampa di un'antologia di pezzi per pianoforte, e Giovanni Rinaldi, sul quale ha scritto un saggio critico. Al suo attivo anche svariate incisioni discografiche e saggi riguardanti in generale la musica contemporanea, sia colta che extracolta. Insegna pianoforte al Conservatorio L. Cherubini di Firenze.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner