partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesca Reggiani
Doc – donne di origine controllata
David Larible
Il clown dei clown
Carlo Monni
Il ricordo di Scanner
Tim Crouch
I, Malvolio
Monica Guerritore è Oriana Fallaci
In Mi chiedete di parlare
Franca Valeri
Non Tutto è risolto
Franco Branciaroli
Don Chisciotte
Jan Lauwers
Scanner per Diario Di Bardo
Francesco Randazzo
Por el bien de todos
Bekim Fehmiu
Ulisse ha lasciato le Porte di Ercole per sempre

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/02/2020 - 17:36

 

  home>live > personaggi

Scanner - live
 


Luca Zingaretti
Legge La Sirena
Tratto dal racconto Lighea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Drammaturgia Luca Zingaretti, musiche Germano Mazzocchetti, eseguite da Fabio Ceccarelli
Al Piccolo Teatro Mauro Bolognini di Pistoia il 22 gennaio, al Teatro Fabbricone Prato da mercoledì 23 a domenica 27 gennaio 2008 (tutte le repliche fino a domenica 27 sono esaurite. )

 




                     di Tommaso Chimenti


Teatro Metastasio, stagione 2007 / 2008
Teatro Metastasio, fuori abbonamento 2007 / 2008
Teatro Metastasio ragazzi, Stagione 2007 / 2008
Molly Sweeney, di Brian Friel, regia Andrea De Rosa, 2007
i Giganti della montagna, Compagnia Lombardi-Tiezzi, 2007
Farfalle, Compagnia TPO, 2007
Gomorra, Mercadante Teatro Stabile di Napoli, 2007
Pasticceri Io e mio fratello Roberto , 2006
Roberto Andò e Moni Ovaia, Le storie del sig.Keuner, di Bertolt Brecht
Luca Zingaretti, Legge La Sirena, di Giuseppe Tomasi di Lampedusa
Tre sorelle di Anton Cechov, Regia Massimo Castri
Giorgio Strehler, La storia della bambola abbandonata
Teatro del Carretto, Pinocchio, da Carlo Collodi
Campagnia Pippo Delbono, Questo buio feroce


Sembra di sentirlo il mare. Sembra di vederla la sirena. Sembra di assaggiarli insieme al senatore, ellenista cinico e sfrontatamente raffinato, i ricci di mare che succhia come organi sessuali femminili. Senza limone, per sentirne tutto l’amaro ed il salato. Nel suo smoking, che comunque allontana dalla storia immersa di mani e squame, Luca Zingaretti affascina la platea da tutto esaurito del Fabbricone che non sappiamo essere qui in massa (anche con gite in pullman da concerto rock) per il nome (purtroppo causa televisione) che per la piece. Spettacolo che poi, in definitiva, è una lettura. Senza niente togliere alla grande interpretazione di Montalbano, non capiamo la scelta di inserire leggio e inchiostro e fogli all’interno della stagione del Met. Idea invece più vicina ed in linea alle corde ed alla politica di Pistoia Teatri di Saverio Barsanti che ha messo “La sirena” (il 22 gennaio 2008) dentro “In verso veritas”, giustamente un ciclo di letture. Il leggio e gli occhiali fanno molto pulpito oratorio ma, con a fianco il bravissimo Fabio Ceccarelli che scivola sui tasti di madreperla della sua fisarmonica, Zingaretti, aria ora ruvida ora rassicurante, riesce, con un continuo intercalare di voci, dalla timida ma precisa e cordiale del giovane giornalista a quella dell’anziano politico scafato ed altisonante che sputa come un cammello nel bar del centro non per maleducazione ma per contrarietà alle notizie appena lette (il racconto Lighea di Tomasi di Lampedusa è un fiore all’occhiello di pulizia scrittoria e di dialoghi concentrici puntuali), a condurci in una Sicilia ricca di naturalità e di vita, di mistero e di incontri fantastici. Due i leggii neri. La prima parte, l’incontro tra i due uomini, la seconda, cambiando registro e microfono, avvicinandosi al pubblico, la vicenda tra il bellissimo giovane futuro senatore, e la creatura mitologica metà donna e metà pesce. Ecco, l’amplesso tra la femminilità torva dell’essere marino ed il ragazzo di rara bellezza, è un confluire, felice Zingaretti e felice il pubblico ad ascoltarlo, di morsi e pugni, di mani e sessi in una lotta che finisce per sfinire la vita sopra le onde inneggiando ad una immortalità di creste e coste e scogli. Tutto sotto, dentro, all’interno. Se l’uomo è fatto all’ottanta per cento di acqua qualcosa vorrà pure dire.

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner