partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Pessoa. Since I've been me
Recensione dello spettacolo
Pessoa. Since I've been me
Regia, scene e luci di Robert Wilson
Felicità turbate
Di Tiezzi e Luzi
Roberto Mercadini
Felicità for dummies
Rimini Protokoll
La Conferenza degli Assenti
Teatro dei Gordi
Pandora
Leoni per il Teatro 2021
La Biennale di Venezia
Winston vs Churchill
Regia di Paola Rota
Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  15/07/2024 - 19:34

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Sogno di una notte di mezza estate
Di William Shakespeare
Versione di Giuseppe Marini, traduzione di Massimilano Palese, regia Giuseppe Di pasquale, scene Alessandro Chiti, costumi Helga H.Williams, disegno luci Roberto Loprencipe
Al Teatro Politeama di Poggibonsi 26 e 27 febbraio 2007

 




                     di Tommaso Chimenti


Ricchissimo, goliardico e eccentrico. Il “Sogno” di Marini colpisce per l’originalità dei costumi e delle musiche ma non osa con una riscrittura, ed una riduzione, che potevano essere ampiamente e diversamente perlustrate. Poteva essere una ventata ed invece è stato soltanto un soffio coloratissimo, ma solo un alito di brezza di giugno. Mezza estate, appunto. Tre i momenti cangianti come velluto, ad intermittenza come fili di lana intrecciati a maglia. Nascita, l’Adolescenza sbarazzina e la Morte. Lo spermatico bianco cadaverico, l’amplesso è comunque morte, della prima parte con cilindri e musica da nozze. Il colorato mondo dei giochi, gaio e spensierato, una continua Playstation ma non per questo esente da sensi di colpa o meschinità, una parata dove si fondono non sessi ma sostanze e succhi, acidi e liquidi. Un Rocky Horror Show, osé macabro, una “Fabbrica di Cioccolato”, lasciva e grottesca. I commedianti, tra Ridolini e Gianni e Pinotto, la realtà finta che entra nella realtà concreta, luttuosi in nero severo e occhiaie, spenti come la loro arte, autoironici ma senza consapevolezza, scolari da “Classe morta”, alunni con fiocchi enormi al collo, più lucignoleschi (le orecchie da asino) che luciferini, guanti bianchi da cartoon. Ganci calati dall’alto dividono e sezionano in schemi, gabbie e fendenti, la scena, come tagli di Fontana sulla tela. Appesi in fondo al baratro specchi che riproducono facce deformate e volti ora animaleschi e bui ora splendidi ed illuminati in stroboscopiche visioni da disco o sottolineati da musica per matrimoni e funerali balcanica. Piramo è un fante di cuori o un prestito da scacchiera, Tisbe un barboncino da esposizione canina, Elena emula della Littizzetto e schiaffeggiante, troppo forzata ed insistita la trovata, la Regina somiglia a Uma Thurman. Il cerone rimarca il limbo peccaminoso e la purezza dimenticata. Nel bosco può, e deve, succedere di tutto, o almeno tutto quello che nella città è vietato e punito. Il bosco è una parentesi dove il giusto e lo sbagliato mutano l’uno dentro l’altro e dove è possibile seguire i propri istinti. Il bosco è l’animale senza ragione. Nel bosco si incespica, si cade, ci si impantana in voglie e desideri rinnegabili a posteriori, sirene attirano, pruni e spine pungono facendo cadere nel silenzio sonnifero dell’incubo. L’oblò gigantesco sul fondo della scena apre e chiude, come orifizio anale, a nuovi ardori, libidini e brame. Puk, il malandrino, è la loro rappresentazione. Un folletto però cupo e pensoso, scempio, sciancato, un cupido pazzo e handicappato, malato, zoppo e claudicante, che si trascina invece che volare, inquieto, delinquente ma appiedato, buffone di corte, ombra maledetta in blu petrolio, airone con le ali intrise di nafta. Ed il fiore, passato di bocca in bocca, la cascata di petali ingoiati come ostia, il foro nel muro della commedia che diviene buco del deretano, il tuca tuca danzereccio, giovanotti-modelli efebi da pubblicità di Dolce e Gabbana, pedofili come Oberon, e zoofile come Titania non fanno altro che evidenziare ancora di più il lato da Gay Pride.

Voto 6 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner