partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesca Reggiani
Doc – donne di origine controllata
David Larible
Il clown dei clown
Carlo Monni
Il ricordo di Scanner
Tim Crouch
I, Malvolio
Monica Guerritore è Oriana Fallaci
In Mi chiedete di parlare
Franca Valeri
Non Tutto è risolto
Franco Branciaroli
Don Chisciotte
Jan Lauwers
Scanner per Diario Di Bardo
Francesco Randazzo
Por el bien de todos
Bekim Fehmiu
Ulisse ha lasciato le Porte di Ercole per sempre

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/02/2024 - 15:56

 

  home>live > personaggi

Scanner - live
 


Patricia Portela
Wasteband
La virtualità in scena. Testo, imagine ed interpretazione Patrícia Portela, suono Christoph de Boeck, scene Eric da Costa, con la collaborazione di Patrícia Bateira e Susana Vidal
Per Intercity 20 al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino il 9 e 10 ottobre 2007

 




                     di Giovanni Ballerini


Intercity 20, presentazione del festival 2007
Presentazione, Rodrigo Garcia, A un certo punto ...
Recensione, Rodrigo Garcia, A un certo punto ...
Intervista a Rodrigo Garcia
Jimmy, di Marie Brassard
Alias Godot, Regia di David Ferry, 2006
La compagnia Third Angel, Presumption, 2007
Compagnie Yvette Bozsik, Miss Julie, 2007
Patricia Portela, Wasteband, 2007
Akhe, Faust in cube. 2360 Words, 2007
La nuova tonaca di Dio, Nature morte dans un fossé, di John Clifford Tri-boo e di Fausto Paravidino, 2007


La virtualità in scena a Intercity 20 al Teatro della Limonaia con uno spettacolo particolare e paradossale, perfettamente intarsiato nei tempi che viviamo, soprattutto nelle possibilità e nelle contraddizioni della nuova era dell’informazione. /p>

Wasteband di e con Patricia Portela è una intrigante sfida per lo spettatore, che viene invitato a lasciarsi condurre a un incontro sui generis – a metà tra un viaggio di fantascienza, lo show room di un prodotto virtuale e un circuito ancestrale intorno a un raccontastorie contemporaneo.

La Portela non è solo una cantastorie del presente, ma una sorta di proto giornalista – imbonitrice, che illude - strega il pubblico con la sua vertiginosa velocità affabulatoria (in più lingue, ma soprattutto italiano, peraltro parlato con scioltezza dall’artista portoghese) e da un fiume di informazioni, di linguaggi artistici e tecnologici. Lo spettacolo inizia con una sorta di conferenza sulla magia del virtuale e sulla nostra possibilità di goderne a pieno le illusioni, i messaggi, le suggestioni. Anche a posteriori.

La rappresentazione vera e propria, che vede gli spettatori seduti in circolo su poltrone d’aereo, in una sorta di tavola rotonda alla Star Trek, sottopone l’attenzione a una sorta di deriva giocosa, in una overdose di informazioni che fanno riflettere sulla vulnerabilità della nostra comprensione, sulla magia del sogno rivelatore.
La matrice dello spettacolo è testuale, ma Wasteband, che in un primo momento può anche lasciare perplessi, va ben oltre. E la concezione drammaturgica della performance si specchia (e si riconosce) nel suo impianto scenico: il testo, le immagini, il tavolo e l’interprete sono allo stesso modo essenziali per lo spettacolo. Emerge una concezione scenica della parola, che si lega indissolubilmente a un apparato e un ambiente tecnologico attinenti al virtuale. Il tutto connotato nel segno dell’avanguardia, del futuro, della scienza: la virtualità dello spettacolo sta nella selezione, nella proiezione delle memorie dello spettatore, in modo che l’impressione (diversa per ogni spettatore) possa essere riprodotta più tardi nella memoria di ognuno. Un modo per stigmatizzare la transitorietà del rito live, per radicalizzare con ironia, la condizione di esistenza effimera/transitoria, con l’ironico presupposto che quando uno spettacolo termina possa tornare a esistere nella memoria, compiendo a pieno il suo ciclo.
La tecnologia più sofisticata viene ricreata in modo artigianale, ma è la grande velocità in cui vengono condivise con la platea le tante informazioni, il grande ritmo, l’uso spasmodico (ma garbato e appropriato) del vocabolario dei computer, delle tecnologie avanzate, a fare la differenza.

Con questo bombardamento di stimoli provenienti dai diversi linguaggi artistici lo spettacolo raggiunge la temperatura-ambiente desiderata: la saturazione dell’informazione che, sia a livello delle storie raccontate sia a livello di immagine e di documentazione scientifica (e pseudo-scientifica), conduce a un’apertura dell’emozione, rara negli spettacoli di oggi. Patricia Portela, nata in Portogallo nel 1974, ha iniziato la sua carriera come scenografa e costumista e si è formata tra Lisbona, Utrecht e Danimarca. Fin dal 1994 ha lavorato per molti teatri indipendenti e compagnie di danza, principalmente come costumista o drammaturga, e come decoratrice di cortometraggi. Nel 2006 termina la trilogia Flatland, il cui primo episodio ha ricevuto il premio Acarte/Madalena di Azeredo Perdigão (2004) e una menzione speciale Bolsa Ernesto Sousa per la multimedia dalla Fondazione Gulbenkian. Nell’ottobre 2006 viene premiata per lo spettacolo per ragazzi Odilia. Vive tra Lisbona e Antuérpia ed attualmente è in tournée con gli spettacoli Flatland, Wasteband e Odília, con un nuovo progetto in preparazione: O Banquete.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner