partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Felicità turbate
Di Tiezzi e Luzi
Roberto Mercadini
Felicità for dummies
Rimini Protokoll
La Conferenza degli Assenti
Teatro dei Gordi
Pandora
Leoni per il Teatro 2021
La Biennale di Venezia
Winston vs Churchill
Regia di Paola Rota
Nemico di classe
Di Nigel Williams
Fulvio Cauteruccio
La notte poco prima della foresta
Pinocchi: recensione
Regia di Andrea Macaluso
Intercity Bruxelles
XXX edizione – 30 anni

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 13:28

 

  home>live > teatro

Scanner - live
 


Alveare La linea Rossa
Per Contemporanea Festival 2005
I lavori di dodici giovani gruppi, suddivisi in tre diverse linee
A Officina Giovani - ex macelli di Prato

 




                     di Tommaso Chimenti


Contemporanea Festival 05 : presentazione
Contemporanea Festival 05 : L’arte della performance
Contemporanea Festival 05 : Alveare La linea Rossa
Contemporanea Festival 05 : Alveare La linea Gialla
Contemporanea Festival 05 : Alveare La linea Verde


Una vera e propria maratona, una full immersion totale, una sorsata di nuova drammaturgia, una boccata di ossigeno fresco, un’apnea di dodici spettacoli in poco più di tre ore a Contemporanea Festival 2005. Occhi strabuzzanti, piedi lessi, tre linee, dodici performance per una continua sorpresa. Officina Giovani come sfondo ideale al divenire artistico, al mutamento che nelle sue stanze stava prendendo forma e gusto.

La linea Rossa. Un divano nel buio caldo degli ex macelli, ganci a vista, è la scenografia di “A simple twist of faith” degli Zimmerfrei che, tra le mattonelle blu scorrono le istantanee di vita passata che si sovrappongono al presente. Il fu si accosta all’oggi con quest’ultimo sempre un passo indietro, sempre alla rincorsa come l’ombra che non raggiungerà mai il corpo. La sabbia cade inesorabile come clessidra spezzata da un sacco di iuta, le dimensioni si incrociano, si sovrappongono, s’intrecciano, si scontrano ed il filo è labile, la nuova immagine è una proiezione dissimile dal passato nell’affannosa ricerca di diapositive e flash imperturbabili e fissi sopra corpi vivi nell’inadeguatezza dell’oggi nei confronti della responsabilità dell’ansia da prestazione verso il già fatto con il tempo come mannaia ed il dejavù sempre pronto a dare conforto ed instabilità: 7.5.

Un tatami nero è lo spazio dei sardi Ooff.ouro e del loro “Au bo”. Odore di piedi e sudore per questo ring senza corde mentre un dj skretcha ed una lavagnetta luminosa prima s’impreziosisce di schemi e concetti per poi essere cancellata tra sputi e schizzi di limone. Il danzatore- scrittore, teso e muscolosissimo, tarchiato e tremolante, scrocchia con movimenti precisi in pantaloncini e maglietta. Rumori di aerei e lui si fa Atlante che sorregge il mondo, barcolla e cade come se manovrato da un burattinaio in vena di scherzi: 8.

La parodia dei nostri tempi: “Inside the control” della Città del Teatro- Adarte, del troppo benessere che porta frustrazioni e depressioni da ipnosi, il guantone che cigola sul gancio da macellaio, la psicosi del carrello sempre ingolfato e strapieno, qui miniaturizzato e coccolato come carretto per neonato a guinzaglio, la musica dolce orientale, la “patologia” della new age e le meditazioni zen- yoga, l’ironia sui colloqui professionali e sul lavoro interinale, i corsi, i concorsi, i seminari per infittire la rete della disoccupazione, fino alla autovalorizzazione del superego da imprimersi e tatuarsi a mente per scordarsi le debolezze e divenire corazzati: 8.5.

Hip hop per giovani gambe. Giacomo Bernocchi affida a Samuele Cardini e Sebastien Chavee il suo “Pure show Technology”, corpi bloccati nella luce stroboscopia con movimenti fissi immobili come in un film anni ’20. Ad intermittenza scalpitano in coreografie da strada in una break moderna e scintillante data e resa da e su un unico colpo per secondo dettato dal flash lampeggiante del neon: 8.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner