partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


La bastarda di Istanbul
Riduzione e regia Angelo Savelli
L’Ultimo harem
di Angelo Savelli
Una firma per Cargo
La petizione
Le Cognate
Di Michel Tremblay
Napolisciosciammocca
Cauteruccio canta Napoli
Teatro dei Giovani di Spalato
Compie 70 anni
Ubu Roi
Di Alfred Jarry
Los Hermanos Macana
Tango Macho
Compagnia Marta Carrasco
No sé si
Sogno di una notte di mezza estate
Di William Shakespeare

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 07:28

 

  home>live > cult

Scanner - live
 


Egumteatro
Un teatro concreto
Non dimenticar le mie parole, La felicità alla portata di tutti, Nel mio ricordo stanco
Serate Beckettiane al teatro Vascello di Roma dal 18 al 22 ottobre 2006

 




                     di Giovanni Ballerini


Egumteatro, Quartett, 2003
Egumteatro, Serate Beckettiane, 2006
Egumteatro, L’omossessuale o la difficolta’ di esprimersi, 2006
Egumteatro, Che tragedia!, presentazione, 2007
Egumteatro, Che tragedia!, recensione, 2007
Egumteatro, Un anno con 13 lune, 2008


Serate Beckettiane al teatro Vascello di Roma. Prosegue il percorso dei geniali Egumteatro dedicato al mondo visionario di Samuel Beckett con tre eventi, con il patrocinio di Amnesty International, per riflettere sul senso del teatro. E, come è nello stile della compagnia di Annalisa Bianco e Virginio Liberti, l’occasione si trasforma anche in qualcosa di utile, di reale e importante: gli incassi delle serate saranno infatti devoluti al Centro Aiuti per L'Etiopia per contribuire attivamente al progetto di realizzazione in quella terra di pozzi d'acqua. Per gli Egum, la scena è un vortice di stimoli, un mondo creativo in cui è vitale il ritmo, la struttura, ma anche non guardare (e quindi non rappresentare) solo la periferia della vita, ma anche le grandi questioni. Ecco quindi che lo scopo umanitario non diventa solo un fine, ma una motivazione e si specchia in un teatro che non esita di occuparsi di cose concrete. Un teatro che spiazza e coinvolge lo spettatore con un bombardamento di spunti, di azioni, immagini, gesti e parole che risvegliano il retaggio esistenziale di questa arte scenica, che alimenta pensieri e riflessioni che non dovremmo mai lasciare nel dimenticatoio. In questo segno, sperimentando diverse atmosfere e intenti, si muovono tre piece ad alta tensione: Non dimenticar le mie parole… con Fulvio Cauteruccio, regia Annalisa Bianco e Virginio Liberti (scena Horacio De Figueiredo, luci Simone Fini, costumi Marco Caboni, suono Otto Rankerlott, voci Annalisa Bianco, Lidia Figlioli, Fulvio Cauteruccio, Giancarlo Cauteruccio e Pietro Morelli), in scena al vascello il 18 e 19 ottobre 2006, La felicità alla portata di tutti, un testo di Virginio Liberti, con Paola Lombardi, regia Annalisa Bianco e Virginio Liberti (scena Horacio de Figueired, luci Simone Fini, costumi e ricerca iconografica Marco Caboni, suono Otto Rankerlott, video Luca Fumagalli), proposta il 20 e 21 ottobre 2006 e Nel mio ricordo stanco, Con Paola Lambardi e Virginio Liberti, che invece viene presentata il 22 ottobre 2006. Il primo progetto è dedicato alla poesia anglosassone, un libero e intrigante saccheggio dell'opera di John Milton, William Blake, William Shakespeare, William Butler Yeats, John Keats, Rudyard Kipling, Ezra Pound, Thomas Stearns Eliot e ovviamente di Samuel Beckett, il secondo agli effetti della guerra sui bambini e il terzo all'amore nelle poesie di Antonia Pozzi, Amelia Rosselli, Alda Merini.

Dopo ogni spettacolo sono previsti una serie di incontri:

Mer. 18 – con Giancarlo Nanni e Virginio Liberti sul tema “Arte , poesia e bellezza in tempi di barbarie”

Gio. 19 – con il fotografo Alessandro Botticelli sul tema “ Fotografare oggi: tra arte e impegno sociale”

Ven. 20 – con Luigi Barbato del gruppo 105 di Amnesty International sul tema “ Guerra e diritti umani ”

Sab. 21 – con Cristiano Barbarossa (giornalista e regista) Leonardo Rigon (tecnico di montaggi) realizzatori del documentario "Lo Sguardo Negato – L’Iraq prima e dopo la guerra presentato su Rai 3

Dom. 22 – con il regista Virginio Liberti sul tema “ Mettere in scena la parola poetica”

Per contatti >>> info@teatrovascello.it

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner