partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Balletto Arabesque
Highlights
Leoni per la Danza 2018
Marie Chouinard ha scelto:
A.T. De Keersmaeker
A love supreme
Palcoscenico Danza 2017
Inaugura Aterballetto
Lindy Hop
Gli appuntamenti cool
Giovani Coreografi
Vetrina Internazionale
Cenacoli Fiorentini
Grande Adagio Popolare
B.Motion
Gran finale 2014,
CCDC
As If To Nothing
7th Sense
Di Vahan Badalyan

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/07/2024 - 17:05

 

  home>live > danza

Scanner - live
 


Christian Rizzo
Et pourquois pas?
Un tableau vivant irrisolto
Interpreti: Matthieu Doze, Donata D’Urso, Cédric Courtois, Pascale Paoli, Christian Rizzo, realizzazione: Jérome Dupraz e Prototoutyp, installazioni visive: Cathy Olive. Mercoledì 19 maggio a Fabbrica Europa 2004

 




                     di Giovanni Ballerini


Fabbrica Europa 2004
Andres Morte
International Fabbrica For Choreographers
Christian Rizzo
Silvia Guidi
Carlos Augusto “Cacà” Carvalho
Roberto Castello
Compagnia Verdastro - Della Monica
Fabbrica Europa 2003 teatro, danza, arti visive
Fabbrica Europa 2003 musica
Fabbrica Europa 2002
Fabbrica Europa 2001
Fabbrica Europa 2000
Fabbrica Europa 1999
Fabbrica Europa 1998
Fabbrica Europa 1997


Strana, per certi versi sorprendente la programmazione 2004 di Fabbrica Europa. Un esempio eclatante ce l’offre Christian Rizzo con il suo Et pourquois pas? Che dilata a non finire una trovata scenica che all’inizio poteva sembrare anche azzeccata.

Cinque danzatori si alternano in scena su un piedistallo in movimento lento. Questo podio circolare ruotante, simile a quelli su cui si presentano le automobili, diventa la sede di uno show minimale, in cui sono gli oggetti (abiti, costumi, complementi di abbigliamento), più che i ballerini, a danzare. Qua e là ci sono spunti alla Cremaster di Matthew Barney, citazioni trendy e un tentativo, per certi versi riuscito, di commistione fra moda, musica arti visive e danza che ci ricorda tante installazioni o performance visuali degli anni Ottanta.

Fin qui tutto bene. Solo che l’azione viene replicata senza fine, risultando alienante. La ripetizione sfibra più che intrigare. E poco può una colonna sonora (che strizza spudoratamente l’occhio agli anni Ottanta) contro la noia che attanaglia chi è segregato in platea. Lo stesso discorso vale per le trovate sceniche, per un uso non certo banale delle luci : la stessa idea riproposta all’infinito stanca. Irrimediabilmente. L’impressione è quella di trovarsi (per quasi 2 ore) davanti a una vetrina in allestimento di un negozio di moda: oggetti, abiti e danzatori – manichini, più che ibridi (nati dalla mescolanza di storia del corpo e del costume) sembrano vittime di un vetrinista pazzo e indeciso. Ci vuole poco a provare la stessa sensazione in platea. Nemmeno la più incallita fashion victim sarebbe probabilmente capace di superare una prova di resistenza di questo tipo.

La pensa sicuramente in maniera diversa Christian Rizzo, ma da un artista che si è cimentato in diversi campi creativi (ha iniziato suonando in un gruppo rock, poi ha creato una marca di abbigliamento, a tutt’oggi collabora come costumista con altri coreografi internazionali e si è dedicato alle arti plastiche) ci aspettavamo qualcosa di diverso. A questo punto ci prende un dubbio: non sarà sbagliato il contesto in cui lo spettacolo è stato proposto? Questo Et pourquois pas?, che è stato presentato come un epico e dislessico racconto in costume, ci sembra in sostanza più adatto a essere rappresentato in forma di performance e in ogni caso in spazi diversi dal palcoscenico. Al posto o comunque alternato al deludente allestimento Media House, il tableau vivant creato dal coreografo francese con l’ Association Fragile, avrebbe dato, secondo noi, al Festival un respiro più intenso. Fornendo qualche spunto in più alla sezione arti visive che a Fabbrica Europa 2004 ci è sembrata decisamente ridimensionata rispetto alle precedenti edizioni.

Voto 5 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner