partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Claudio Vergnani
La sentinella
John Scalzi
L’ultima colonia
Stefano Fantelli
Strane Ferite
Tom Piccirilli
Nell’abisso profondo
Claudio Vergnani
L’ora più buia
Javier Márquez Sánchez
La festa di Orfeo
Riccardo D’Anna
La figura di cera
Andrea G.Colombo
Il Diacono
Gianfranco Manfredi
Tecniche di resurrezione
Claudio Vergnani
Il 36° giusto

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/12/2017 - 03:57

 

  home>libri > fantasy

Scanner - libri
 


N.O.I.R.
Quindici passi nel buio
A cura di Andrea Franco. Sedici autori: Giuseppe Agnoletti, Vincenzo Barone Lumaga, Angela Buccella, Giovanni Buzi, Marco Roberto Capelli, Matteo Coluzzi, Luca Di Gialleonardo, Andrea Emiliani, Andrea Franco, Enrico Luceri, Biancamaria Massaro, Alessandro Nicolò, Giuseppe Pastore, Cinzia Pierangelini, Stefano Valbonesi, Alessio Valsecchi
Traccediverse, 2005 (130 pp., 11 euro)

 




                     di Tommaso Chimenti


Il giallo, il poliziesco, l’horror, il noir negli ultimi anni ha ripreso vita sugli scaffali delle librerie, nelle sceneggiature delle fiction tv, al cinema. L’animo nero delle cose, il buio che fa da contraltare alla luce, il lato subdolo e nascosto ha da sempre affascinato l’umana natura. Ma anche in questa abbondanza di titoli, l’antologia “N.O.I.R.” acronimo del genere letterario stesso, si eleva dalla fanghiglia del sottobosco globalizzato. Ecco i quattro cardini, le quattro sezioni che la compongono: Noir, Orgasmo, Incubo e Rimembranza. “Quindici passi nel buio, quindici racconti – spiega Andrea Franco, il curatore della raccolta edita da Traccediverse di Torino (130 pp., 11 euro) – quindici modi di affrontare il buio, di sopravvivere al lato più nero dell’animo. Dare forma alle proprie angosce, alle paure che si annidano nell’oscurità, sondando la parte più intima di ognuno di noi”. Non solo dramma, sangue e morte ma anche dolore, rimpianti, incertezze. “La strada” di Marco Capelli, “Il guasto” di Enrico Luceri, “Blue Eyes” dello stesso Franco, “Quella sbagliata” di Alessandro Nicolò, “Banchetto romano” di Giovanni Buzi, “La quaresima” di Cinzia Pierangelini, “Girotondo” di Angela Buccella, “Bye, bye, Foxy Lady” di Vincenzo Barone Lumaga, “La mitomane” di Alessio Valsecchi, “Dentro e fuori di me” di Giuseppe Agnoletti e Stefano Valbonesi, “Un figlio per Stella” di Giuseppe Pastore, “Punti di vista” di Biancamaria Massaro, “Sub rosis” di Andrea Emiliani, “In memoria” di Luca Di Gialleonardo, “Il museo” di Matteo Coluzzi. Sono i quindici gradini da scendere per addentrarsi nel fitto oscuro bosco dell’inconscio, per respirare l’acredine, avere il fiato corto, il respiro mozzato e smorzato, sentire le foglie secche sotto i piedi, i palmi delle mani sudate, i cigolii delle porte. “un racconto noir non è soltanto un mezzo per dare voce alla violenza, questo tipo di narrativa è la sola in grado di affrontare temi forti, scomodi. Tutto ruota sul dualismo vita- morte, bene- male che mai sono distinti in modo netto”. Da una parte la violenza nelle sue varie rappresentazioni, dall’altra la paura che inevitabilmente le fa da cornice.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner