partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Rinascimento Virtuale
L’Arte in Second Life e nei Virtual Worlds
MSN
Adesso i ragazzi comunicano così
Multitasking generation
Gestire più stimoli contemporaneamente
Myspace
Rivoluzione fenomenale o semplice fenomeno?
Neche.it
Creatività indipendente alla riscossa
N.I.F.F. 2005
2° net independent film festival
E' nato Comfusion
Idee da Festa Internet 2002
Lara Croft, chi era costei?
Un must assoluto nell'ambito dei videogames
Web e software liberi
Free o a pagamento?
L'investitore informato
Soprattutto informazione di qualità

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 23:34

 

  home>hitech > web

Scanner - hitech
 


Myspace
Rivoluzione fenomenale o semplice fenomeno?
Una vetrina musicale democratica ma confusionaria
Myspace dunque suono. Internet per farsi strada nel mondo della musica

 




                     di Naima Morelli


Adesso i veri punk sono i ragazzi che mettono la loro musica su internet senza fregarsene se saranno solo in venti ad ascoltarla. dice Patti Smith. E lo dice come se fosse una cosa buona.

E’ vero che grazie ad internet sono giunti al successo ottimi artisti che sarebbero rimasti altrimenti in ombra, ma è pur vero che in internet i professionisti (o più semplicemente quelli “bravi”) si trovano, in termini di mezzi per promuoversi, alla stregua dei dilettanti.

Un esempio eclatante nel caleidoscopico mondo delle note si può ritrovare navigando in MySpace.

MySpace è sostanzialmente un portale che offre una pagina dove inserire i propri interessi, un profilo personale e un blog, ma gran parte della fama del sito è dovuta all’uso che ne fanno i musicisti. Brani e immagini non si trovano su uno spazio offerto dal portale stesso ma si appoggiano ad altri siti.
Quello che invece c’è, è la possibilità di “add”, vale a dire di aggiungere degli amici iscritti a loro volta a MySpace, creando una sorta di rete di collegamenti tra le persone, la quale permette anche di scambiarsi messaggi e commenti.

Il pubblico al quale si rivolge è in larga parte quello giovanile, gli under 25, tanto da essere stato definito un punto di incontro generazionale per una generazione che i suoi punti di incontro li brucia ad una velocità da allucinazione, ma a voler controllare, abbiamo ben più di un’eccezione che sfora il limite di età individuato dalle statistiche.

Secondo il WashingtonPost sono 90 milioni gli utenti di MySpace, e viene davvero da chiedersi cosa abbia in più rispetto ad altri spazi, questo portale creato dai californiani Anderson e DeWolfe, acquistato recentemente da Rupert Murdoch (chi in quell’occasione l’aveva definito “ricco scemo” ha dovuto ricredersi), e come abbia fatto ad imporsi con tanto carisma tanto da venir indicato come il sesto sito più visitato della rete guadagnandosi persino una cover story da parte della nota rivista finanziaria Business Week.


L’impressione iniziale è generalmente di confusione, lo spazio offerto piuttosto striminzito e l’interfaccia ostica, oltre a questo handicap di doversi riferire ad altri siti per posizionare i propri pezzi o le proprie immagini. Difficile renderlo veramente personale, nonostante gli innumerevoli programmi di editino ad-hoc, anche se oramai c’è da dire che la tendenza pare essere orientata alla praticità più che all’estetica e la caratterizzazione; pochi hanno voglia di impegnarsi nella realizzazione di un vero e proprio sito internet, specialmente se l’impegno profuso nel realizzarlo non è pari alla qualità del contenuto. Più comodo affidarsi a modelli standard che si lasciano creare e aggiornare con facilità.

C’è chi già predice la morte di MySpace, soppiantato da emuli più efficienti e minimizzando il suo successo a semplice moda, ma se di una moda si tratta, bisogna riconoscere che ha superato di gran lunga le PinkoBag: dai Rolling Stones al mio vicino di casa, chiunque possegga uno strumento musicale e degli amici con i quali strimpellare si sente autorizzato a gridarlo a mondo.

E in questo caso, ci verrebbe da dire a Patti Smith, è labile il confine tra punk e esibizionismo fine a sé stesso.

Bisogna approcciarsi a MySpace come ai blog, ovvero discernendo quelli seri, di costruttiva polemica sociale alla Grillo, di certi giornalisti in zone di guerra e nondimeno alcuni umoristici e narrativi la cui validità è indiscutibile, da altri invece dove l’autore narcisista si dilunga a parlare inutilmente e con autocompiacenza della propria oziosa routine giornaliera. Per carità, a parte affollare non fanno male a nessuno e poi non sono dei palazzi, uno può anche evitare di guardarli.

A volte però può capitare di venir assaliti dalla tristezza, e la tristezza che può capitare ci assalga navigando tra le pagine di myspace è in dovuta sia allo sconforto di vedere quanta gente con velleità musicali ci sia in giro (ma quella c’è sempre stata solo non lo sapevamo) sia, dopo una valutazione ottimista che ce li fa individuare tutti come “accomunati dallo stesso sogno” , il constatare che in realtà quasi a nessuno interessano veramente le canzoni dell’altro, o almeno non quanto vorrebbe gli altri si interessassero alle proprie: è un amicizia fatua, un do-ut-des dell’add. Infatti spesso, il sodalizio comincia e termina con l’accettazione dell’amico, un “Grazie per l’add” in più che in fin dei conti serve solo a far rimpicciolire la scrollbar.
Certo, a chi la musica piace veramente e svisceratamente troverà sicuramente una miniera inesauribile da esplorare, ma c’è bisogno che sia anche armato di buona pazienza per poter condurre un ascolto non superficiale e non perdersi nel mare di scelte.
Gli artisti, quelli capaci, avranno dal canto loro delle possibilità in più di essere notati e porre finalmente l’agognata firma al contratto con una casa discografica, altrimenti toccherà anche a loro seguire i il tortuoso iter che tanti grandi nomi prima di loro hanno dovuto percorrere.
Nella fortuna del resto, internet o non internet, bisogna sempre sperare.
In fin dei conti MySpace deve essere preso per quello che è: non più uno status, ancora meno una garanzia di qualità, ma una vetrina. Un’enorme, democratica, vetrina.

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner