partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Rinascimento Virtuale
L’Arte in Second Life e nei Virtual Worlds
MSN
Adesso i ragazzi comunicano così
Multitasking generation
Gestire più stimoli contemporaneamente
Myspace
Rivoluzione fenomenale o semplice fenomeno?
Neche.it
Creatività indipendente alla riscossa
N.I.F.F. 2005
2° net independent film festival
E' nato Comfusion
Idee da Festa Internet 2002
Lara Croft, chi era costei?
Un must assoluto nell'ambito dei videogames
Web e software liberi
Free o a pagamento?
L'investitore informato
Soprattutto informazione di qualità

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  17/10/2017 - 16:48

 

  home>hitech > web

Scanner - hitech
 


Multitasking generation
Gestire più stimoli contemporaneamente
Ecco come si è attrezzato il cervello umano
La nuova generazione è multimediale

 




                     di Naima Morelli


Avete presente quei film comici dove il protagonista si trova ad uscire con due differenti ragazze in due appuntamenti diversi allo stesso tempo, dove inevitabilmente con una scusa lascia la prima per correre dall’altra, poi dice di andare in bagno e torna dalla seconda, poi con un pretesto qualsiasi scompare per i pochi istanti che trascorrerà con la prima e via dicendo, finchè non viene inevitabilmente scoperto?

Ebbene, questa situazione comica così sfruttata dovrà essere accantonata quanto prima dagli sceneggiatori di commedie riguardanti la vita moderna, dal momento che i protagonisti del nuovo millennio non avranno più di questi problemi; loro appartengono alla cosiddetta “multitasking generation”.

Il termine “multitask” è stato usato per la prima volta in ambito informatico, infatti il mezzo privilegiato di quest’ultima generazione capace di passare con rapidità e disinvoltura da un’attività ad un’altra, è il computer. Si può perciò dire che la rivoluzione è cominciata con le tante finestre di windows che permettevano di svolgere più funzioni, tutte a portata di click. Il fenomeno però ha preso veramente piede con msn, la diffusissima chat “selettiva” nel senso che la comunicazione avviene solamente con “contatti” aggiunti dall’utente stesso tramite indirizzo di posta elettronica.
E vedi com’è più semplice così per il protagonista del nostro film chiacchierare contemporaneamente con due ragazze diverse, con il pc che improvvisamente garantisce l’ubiquità.

Chiacchierare e non solo! Sentire la musica, giocare al gioco di ruolo su internet, buttare un occhio alla televisione accesa, scrivere sul blog e aggiungere amici a myspace. Ah, e fare i compiti.
E’ questo il motivo per il quale i più giovani continuano a preferire msn a skype, il “telefono sul computer” che ha il vantaggio di mostrarti la faccia dell’interlocutore, se provvisto di webcam, ma ti costringe a dedicarti a lui solo visto che la comunicazione si svolge su canali visivi e vocali.

Conformazione mentale differente, si diceva sul Washington Post, ma i neurofisiologi sono più precisi: a quanto pare c'è una zona del cervello, l’area prefrontale di Broadmann, che permette di svolgere più attività complesse contemporaneamente, un’ area molto più utilizzata dai ragazzi d’oggi rispetto a quelli di un decennio fa.

Messa così tutta la faccenda sembra positiva (a parte per gli sceneggiatori più pigri che dovranno inventarsi altre gag per supplire a quella del doppio appuntamento) invece i risvolti negativi non mancano: come spiega una ricerca dell'Ucla, il classico procedimento d’apprendimento sequenziale aiuta i ragazzi a incamerare più efficacemente informazioni. Il tutto è dovuto alla parte del cervello che raccoglie e archivia i dati, l'ippocampo, che a quanto pare in caso di apprendimento multitasking delega la propria funzione allo striato, addetto alle azioni ripetitive.
Così a questi ragazzi multitask si rimprovera l’incapacità di concentrarsi, un’attenzione frammentata nonché una certa difficoltà nell’apprendimento e di memoria. E anche qualcosa di più banale, ovvero la pericolosità che rappresentano i loro cellulari, mp3 e palmari, adesso non solo fattore di distrazione per i guidatori, ma anche per i pedoni. A questo proposito il senatore dello stato di New York, Carl Kruger, ha proposto una legge che multi i pedoni in possesso di questi aggeggi elettronici.

Sarebbe interessante indagare, come già ha fatto il Time, che alla generazione mutitasking qualche tempo fa aveva addirittura dedicato la copertina, a come questa nuova capacità dei ragazzi possa influenzare le relazioni sociali; qualcosa lo si vede già con i telefonini, terzi incomodi sempre in agguato a interrompere una conversazione, e subito giù gli psicologi a parlare di rapporti sociali più effimeri perché confusi e distratti dalla tecnologia.

La verità è che ancora troppo presto per trarre conclusioni in merito a questa faccenda, ma d’altronde la gente che parte in quarta è sempre esistita, e come si può immaginare c’è chi grida alla catastrofe (probabilmente i figli di quelli che a inizi anni ‘60 demonizzavano la lavastoviglie) e contrariamente chi inneggia all’evoluzione verso una specie superiore.
Ovviamente i diretti interessati, questi ragazzi che pure spesso leggono gli X men, però sempre facendo altre cose nel frattempo, non ci trovano proprio niente di strano nel loro stile di vita. Anzi, davvero non capiscono cosa abbiano da blaterare quei vecchiacci con cervello a rallentatore.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner