partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 14:01

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Signs
Regia di M. Night Shyamalan
Cast: Mel Gibson, Joaquin Phoenix, Cherry Jones, Rory Culkin. Produzione: Blinging Edge Pictures, Kennedy/Marshall, Touchstone. Distribuzione: Buena Vista. Usa, 2002, C, 106'.
Tra atmosfere B-Movie anni Cinquanta e messaggi presuntamente universali, si rivela deludente il terzo film del regista de Il sesto senso.

 




                     di Vittorio Renzi


The Sixth Sense - IL Sesto Senso
Unbreakable - Il Predestinato
Signs
L'ultimo dominatore dell'aria


Si parte dai misteriosi cerchi di grano, in Pennsylvania, anziché nel sud della Gran Bretagna. Lì, in una casa isolata nell’immensità dei campi, vive Graham Hess (Mel Gibson), pastore episcopale che, dopo essere rimasto vedovo, ha perduto la fede, con due figli e il fratello minore Merrill (Joaquin Phoenix). Dopo l’iniziale scetticismo, devono tutti rendersi conto che il fenomeno cela qualcosa di soprannaturale. Citando a man bassa La guerra dei mondi e tutto l’immaginario cinematografico sugli extraterrestri a venire (da Incontri ravvicinati del terzo tipo, fino a Independence Day, con i dischi volanti minacciosamente sospesi sopra le città), M. Night Shyamalan – autore anche della sceneggiatura, co-produttore e interprete del ruolo dell’involontario assassino della moglie di Graham - prende subito le distanze dalla materia narrativa per concentrarsi sui grandi temi che toccano l’essere umano, mediante le opposizioni vita/morte, paura/fede, coincidenze/predestinazione. Il regista di The Sixth Sense, che aveva saputo coniugare nel suo primo film un interesse reale, psicologico nei confronti dei fenomeni paranormali, con le atmosfere del thriller e che aveva quindi concesso ampio spazio all’identificazione con i personaggi e alla verosimiglianza della vicenda, qui non sembra altrettanto coinvolto dall’argomento e mostra anzi un atteggiamento un po’ snob, di chi vuole essere considerato prima di tutto “autore”:  per cui il “timbro” del film appare spesso ironico (nonostante la musica di James Newton Howard ripercorra brividi hitchcockiani), pervaso da uno scetticismo persino troppo scoperto, che si esprime, ad esempio, in varie scenette peraltro divertenti tra Mel Gibson e i propri figli, galvanizzati dal tanto atteso incontro ravvicinato con gli UFO. Se Unbreakable, che percorreva un cammino simile agli altri due film del regista indiano – dai fenomeni paranormali alla condizione esistenziale di individui concreti – era sembrato a molti sostanzialmente inconcludente, non riuscito, Signs rivela invece, per la prima volta, una scollatura troppo evidente tra il tessuto narrativo e il messaggio che appare sbandierato in prima linea e risulta dunque inefficace o quantomeno banale (decisamente deludente e riduttivo, ad esempio, tutto l’intreccio narrativo volto a consacrare l’importanza di credere nelle coincidenze, che equivarrebbe al “credere” tout court: in Dio, negli UFO, etc.). Ciò nonostante il talento registico e visivo di Shyamalan è fuori discussione. Mel Gibson, invece, è assolutamente fuori parte.

Signs, Regia di M. Night Shyamalan. Cast: Mel Gibson, Joaquin Phoenix, Cherry Jones, Rory Culkin. Usa, 2002, C, 106'.

Voto 6 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner