partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/02/2020 - 23:59

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Essere John Malkovich
Regia di Spike Jonze
Cast: John Cusack, Cameron Diaz, Catherine Keener, John Malkovich; commedia; Usa; 1999; C.
To be or not to be (John Malkovich)?

 




                     di Paolo Boschi


Come si intuisce dal suo titolo il film d’esordio di Spike Jonze si profila cerebrale e stravagante a prescindere da qualsivoglia dettaglio della trama, ovviamente complessa e cervellotica. Veniamo appunto alla strana storia alla base di Essere John Malkovich: Craig, insoddifatto e squattrinato burattinaio newyorchese privo di sbocchi professionali, trova un lavoro di ripiego in una strana azienda allocata ad un piano ammezzato di uno dei tanti grattacieli della grande mela. I soffitti del piano sono estremamente più bassi del solito – tanto che gli impiegati sono costretti a camminare per i locali chinando la testa – per risparmiare sui costi e per una strana storia d’inizio secolo. Ma le stranezze non sono finite: assunto come archivista per le sue naturali doti manipolatorie, il nostro protagonista dietro ad uno schedario trova per caso un cunicolo che porta (incredibile a dirsi) nell’appartamento di John Malkovich o, meglio, conduce direttamente dentro la testa del celebre attore americano. La curiosa esperienza è a tempo determinato (dura più o meno quindici minuti) e si conclude immancabilmente con una caduta in un preciso punto della periferia di New York, dimostrando per certi versi la veridicità dell'assunto di Andy Warhol: ognuno potrà infatti vivere quindici minuti di celebrità, seppure nei panni del grande John Malkovich. Stranezza dopo stranezza il protagonista di Essere John Malkovich, sempre più stanco del proprio matrimonio con Lottie, si lascia intrigare da una collega priva di scrupoli di sorta, la seducente Maxime, ben pronta ad utilizzare il suo fascino per irretire l’ex burattinaio e convincerlo a sfruttare commercialmente la sua scoperta per imbastire un proficuo business psico-turistico: ed in breve arrivano newyorchesi a frotte, entusiasti di poter pagare un paio di bigliettoni per ritrovarsi per qualche minuto nei panni di una nota star del cinema. Capita inoltre che la bella Maxime nutra un’ambigua attrazione per Lottie – una Cameron Diaz dismessa come non si era mai vista –, come pure per John Malkovich, e che il buon Craig sia disposto a tutto, ma proprio a tutto, pur di conquistarla. Un film intrigante e divertente nonostante i cerebrali arzigogoli della trama, spesso surreale ma ben supportato dalla prova complessiva del cast, in cui si registrano due succosi cameos di Charlie Sheen e Sean Penn. Tra i molti spunti di questa originale (ed amletica) riflessione sull’identità sceneggiata con superba verve da Charlie Kaufman è d’obbligo segnalare la stralunata sequenza del ristorante ricolmo di persone (maschi ma anche femmine) che portano in volto gli inconfondibili tratti di John Malkovich. Un'imperdibile chicca di celluloide.

Essere John Malkovich - Being John Malkovich, regia di Spike Jonze, con John Cusack, Cameron Diaz, Catherine Keener, John Malkovich; commedia; Usa; 1999; C.; dur. 1h e 51'

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner